sabato, maggio 19, 2018

I BENEFICI DELL' ANIMAZIONE SUGLI UTENTI

L'animazione se correttamente applicata arreca notevoli benefici agli utenti, sia sotto il profilo fisico, attraverso attività sportive intese come gioco, sia come terapia se sono rivolte a coloro che hanno degli handicap, dovuti a disfunzioni "naturali" o derivati dall'età o appartengono a categorie a rischio. L'animazione arreca benefici anche sotto l'aspetto puramente psicologico, poiché si prevede il contatto fisico tra più persone appartenenti a tutte le età, a diversi ceti sociali ed etnologie diverse. L'aggregazione stimola lo sviluppo intellettuale, il controllo emotivo, la socializzazione. L'animazione quindi tende ad indirizzare coloro che se ne servono verso nuove esperienze collettive. Si tratta di una scienza che serve per sollecitare, stimolare gli utenti, a partecipare alla vita di gruppo e recuperare la loro “umana” identità; in altri termini mediante le attività animative, l'individuo può ricorrere a tutte le energie fisiche ed intellettuali per il conseguimento di un determinato fine a carattere prettamente sociale e ricreativo. L'animazione si può di certo definire come uno strumento positivo che contribuisce notevolmente alla costruzione della vita sociale e alla realizzazione, sotto il profilo umano, di un'esistenza individuale più appagante. Spesso l'utente, specie quello portatore di handicap o appartenente alla terza età, ha una sorta di sfiducia inconscia nelle proprie capacità e possibilità e si rassegna di fronte, alle innumerevoli difficoltà e agli ostacoli della vita di tutti i giorni. Tutto questo impedisce una partecipazione consapevole alla soluzione dei problemi, sia individuali che collettivi. L'animazione attraverso il gioco, la socializzazione, la creatività, lo sollecita, lo spinge a reagire, a decidere, ad assumersi le responsabilità che la situazione animativa esige. Si tratta quindi di un mezzo, il cui fine è quello di sollecitare in positivo l'utente ad esprimere tutte le capacità e le energie, indispensabili per il suo benessere psicologico e fisico. Vista in una tale dimensione, l'animazione esalta le normali risorse degli individui, potenzia le loro naturali inclinazioni alla vita sociale, rinvigorisce la personalità dei singoli, che ne risulta arricchita in quanto a possibilità di azione e di reazione. L'animazione in altri termini, consente a chi ne usufruisce di beneficiare di una nuova "carica" di energie che non scatta in condizioni normali, ma che viene fuori grazie ad un meccanismo psicologico messo in moto dall'animatore. Tali benefici si determinano quindi non solo a livello individuale ma soprattutto collettivo. Non solo i singoli reagiscono positivamente se coinvolti dall'animatore, ma anche i gruppi, le masse, trovano coesione. Specialmente come fattore di stimolo e di aggregazione tra forze sociali differenti, l'animazione risulta positiva, infatti sollecita e condensa energie acquisite e latenti possibilità sia di tipo collettivo che individuali rivelandosi in tal modo, una sorta di elemento determinante per il completamento o il recupero della personalità dei singoli. Analizziamo ora, gli obiettivi socializzanti che un professionista dell'animazione realizzerà attraverso la sua prestazione professionale. Indicheremo quindi, come scopo di fondamentale importanza dell'animazione, vista in direzione puramente sociale, il sollecitare positivamente: gli atteggiamenti dell'utenza, gli interessi comuni e il comportamento interpersonale. a) stimolare in positivo gli atteggiamenti dell'utenza : Occorre principalmente distinguere gli atteggiamenti rispetto ai singoli e ai gruppi, tenendo sempre nel giusto conto il ceto sociale di appartenenza. In questi casi va fatta valere una condotta che miri ad esortare e stimolare gli atteggiamenti del soggetto/i verso una più intensa disponibilità, orientata apertamente nei confronti di sé stesso e degli altri. b) interessi comuni : In sede operativa, l'animatore dovrà cercare di vitalizzare positivamente gli interessi dell'utenza, incanalandoli nella giusta direzione, quindi in funzione di un arricchimento della personalità mediante esperienze di gruppo. c) comportamento interpersonale : L'animazione dovrà favorire la coesione tra più individui attraverso una efficace integrazione degli stessi. L’animatore quindi, farà riaffiorare i valori della: solidarietà collaborazione, amicizia. Il raggiungimento degli obiettivi socializzanti sopra citati, attraverso processi di attività di gruppo, supportato da una giusta atmosfera aperta e democratica, assicura agli utenti dei benefici tangibili. In questo caso infatti, l'attività animativa facilita l'inserimento anche di quei soggetti svantaggiati psicologicamente e/o fisicamente, evitando il problema dell'emarginazione. E’ certo infatti, che in situazioni complesse non basta la volontà ed il desiderio di essere “solidali” con il prossimo in difficoltà, molti fallimenti dell’animatore “improvvisato”, sono dovuti alla effettiva incapacità di affrontare situazioni particolari che richiedono invece, delle competenze specifiche, altamente qualificate; è il caso dell’animazione rivolta ai minori a rischio o ai tossicodipendenti ed anche in casi di assistenza agli anziani e ai bambini. Per operare correttamente, quindi, occorre tener presente l’ambiente nel quale si realizza l’intervento, inteso come la consapevolezza delle caratteristiche umane (personalità, temperamento, carattere ecc.), del grado di istruzione e della posizione sociale di appartenenza dei singoli appartenenti al gruppo. L’analisi dell’ambiente è necessaria per le seguenti motivazioni: 1) L’ambiente è quell’elemento entro il quale si sviluppa, si muove e vive un individuo. Non è inteso solo come il luogo geografico o l’ambito sociale, ma è quel complesso di circostanze, di affetti e di riflessi psicologici, in cui vive una persona. Ad esempio, il nucleo familiare è inteso come l’insieme di risonanze affettive e valori morali, in cui si sviluppa la personalità di un individuo e che costituiscono la “famiglia”. 2) L’analisi dell’ambiente, serve ad indirizzare ed ottimizzare le diverse metodologie di intervento. 3) L’ambiente condiziona l’educazione dell’individuo. Infatti, nella maggior parte dei casi, in ambienti considerati “sani” si sviluppano personalità integre moralmente e culturalmente. Seguendo questa logica di intervento, le attività ed i programmi proposti devono essere aderenti all’ambiente fisico e morale in cui si presta la propria opera. Risulterebbe perciò un grave errore, ad esempio, impostare un’attività che potrebbe rivelarsi interessante e stimolante per un’utenza culturalmente preparata e proporla anche alla presenza di individui culturalmente impreparati. ( a cura dello staff di Animandia, tratto da Analisi generale dell’animazione Edizioni Effegi) n.b. Per quanti volessero lavorare nel settore dell’animazione turistica segnalo dunque Animandia http://www.Animandia.it Animandia è un portale nato oltre 16 anni fa allo scopo di sostenere e favorire lo sviluppo del settore dell’animazione turistica. Animandia opera mediante un mercatino di annunci ed inserzioni, a disposizione di tutti gli interessati. Nel mercatino di Animandia, ci sono numerose offerte di lavoro sia su territorio Nazionale, ma anche suddivise per singole Regioni . Ogni annunci offerte lavorative riporta, oltre la descrizione del personale richiesto, anche i recapiti ( email. e tel) di tutte le aziende associate che ricercano animatori vari ruoli anche alla prima esperienza, prevalentemente si tratta agenzie di animazione, tour operator, organizzazioni vacanze e strutture turistiche Ultima cosa che ci tengo a segnalare è che Animandia mette a disposizione degli interessati un comodo servizio gratuito chiamato Curriculum espresso, mediante il quale è possibile inviare il proprio CV alle agenzie aderenti all'iniziativa. In pratica, inviando a mezzo posta elettronica ( candidato@animandia.it) un breve curriculum, la redazione di Animandia provvederà a sua volta ad inoltrarlo a tutte le imprese associate che ricercano personale. In questo modo si contattano decine di aziende simultaneamente, aumentando così le possibilità di poter trovare impiego.
Posta un commento