lunedì, dicembre 23, 2019

Buon Natale da MilleVoci

domenica, dicembre 22, 2019

mercoledì, dicembre 18, 2019

Episodio 4 Chi ci osserva dalla luna?

Il terzo occhio cos'è? Sesto chakra ma anche la sede della saggezza



Nuovo video al quale ne seguiranno altri sul terzo occhio, le percezioni extra sensoriali, e la fonte di saggezza.

Iscriviti al canale e sarai sempre aggiornato. Seguirà anche un corso di cartomanzia, completo e tutto GRATUITO.


lunedì, dicembre 16, 2019

sabato, dicembre 14, 2019

MilleVoci seleziona ragazza per videoclip musicale.

Angelo Sensitivo Calypso

venerdì, dicembre 13, 2019

Lotta alla Violenza sulle donne: Evelina Manna presenta Breaking the Silence

Evelina Manna presenta Breaking The Silence, la campagna per la Comunità Europea contro la Violenza sulle donne ideata dall'attrice e modella romana che, dopo una lunga carriera tra teatro, cinema e tv, nel 2013 fonda una casa produttrice.
Evelina Manna

"First cause of women's death": Evelina Manna e la violenza sulle donne

Strada deserta, una donna seguita da un uomo, la consapevolezza di essere sola: nei secondi iniziali di "Breaking The Silence", campagna di utilità sociale ideata e interpretata da Evelina Manna, si avverte subito la forza del messaggio portante del video. Secondo la produttrice e attrice romana è il silenzio il nemico da sconfiggere: per sostenere la lotta alla violenza sulle donne il primo ostacolo è rompere il muro di omertà che circonda numerose vittime. In un'Italia dove secondo l'Istat un cittadino su quattro pensa ancora che la causa della violenza sessuale sulle donne sia addebitabile al loro modo di vestire e ben il 39,3% della popolazione è convinta che sia possibile sottrarsi ad un rapporto sessuale indesiderato, lo spot, patrocinato dalla Comunità Europea e disponibile su Youtube, risulta ancora attualissimo seppur pubblicato nel 2008. Allargando il focus geografico, si scopre che ad oggi in Europa la piaga sociale è ben lungi dall'essere debellata: secondo la Commissione Europea una donna su tre ha subito una violenza fisica o sessuale. Breaking the Silence è la prima produzione della Moodyproduction, casa produttrice fondata da Evelina Manna, impegnata nella promozione di progetti indipendenti collegati al mondo della cultura, della musica e dell'arte in generale.

Evelina Manna, dalla carriera cinematografica all'impegno nel sociale

Già dai primi anni di carriera Evelina Manna, nata a Roma, entra nel mondo della moda: Cosmopolitan, Maxime, GQ Italia, Panorama, First, Style, sono solo alcuni dei magazine internazionali per i quali posa come modella. Ma è la recitazione la sua vera passione: trasferitasi a Londra, muove i suoi primi passi come attrice teatrale nell'off Broadway e a Roma, dove recita nella trasposizione teatrale di "Io e Annie" di Woody Allen. Nel 1999 debutta al cinema con il film americano "Il talento di Mr. Ripley", mentre in televisione il primo ruolo è nel film Rai "Padre Pio": prosegue sul grande schermo recitando in "Casomai" di Alessandro D'Alatri, "Alexander" di Oliver Stone e "Una bellissima bambina" di Mimmo Calopresti. In tv prende parte alle fiction "La Guerra è finita" su Rai1 e "Carabinieri" su Mediaset. Nel 2008, insieme a un gruppo di giovani professionisti, fonda Moodyproduction, casa specializzata nella realizzazione di progetti indipendenti: Breaking the Silence è il primo spot della "trilogia sociale" ideato da Evelina Manna in veste di produttrice, al quale seguiranno A Day & a Minute, cortometraggio sull'Immigrazione presentato al Taormina Film Fest 2011, e Let's Fall in Love, spot contro l'omofobia presentato al Palermo Pride e alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia.

giovedì, dicembre 12, 2019

Nicolò Zanon interviene al convegno di Assoedilizia “La locazione nella storia e nell’attualità”

Nicolò Zanon è intervenuto al convegno di Assoedilizia "La locazione nella storia e nell'attualità", incontro tenutosi il 28 novembre in memoria dell'Avvocato Michele D'Amico, per anni componente della Giunta Esecutiva dell'Associazione e venuto a mancare l'anno scorso.
Nicolò Zanon

Nicolò Zanon e il convegno di Assoedilizia sulla locazione

Il Giudice della Corte Costituzionale Nicolò Zanon è intervenuto come relatore nel corso dell'evento di Assoedilizia incentrato sul tema della locazione, istituto dai molteplici aspetti e che rappresenta un importante strumento di crescita socio-economica. Al convegno hanno preso parte, oltre al Presidente dell'Associazione dei Proprietari Immobiliari Avv. Achille Colombo Clerici, che ha presentato l'evento, anche numerosi avvocati e docenti di diritto. Il pensiero espresso nel corso del convegno è stato unanime nei confronti del ruolo cruciale rivestito dallo strumento della locazione, capace di produrre mobilità abitativa nel mondo odierno, in cui necessità di tipo lavorativo, formativo e familiare emergono con forza. Inoltre, è stata sottolineata l'importanza della locazione per la sua capacità di finanziare indirettamente le attività imprenditoriali, permettere la crescita economica, tutelare i risparmi, fornire stabilità al mercato immobiliare e, al tempo stesso, dinamismo all'interno delle città.

La carriera di Nicolò Zanon

Nicolò Zanon è Giudice della Corte Costituzionale e docente di Diritto Costituzionale. Nato a Torino nel 1961, è laureato in Giurisprudenza con una tesi in Diritto Pubblico Comparato presso l'Università di Torino. In seguito, ha conseguito il titolo di Dottore in Ricerca in Diritto Comparato presso l'Università di Firenze. Ha iniziato la sua carriera professionale nel 1991 come ricercatore nella Facoltà di Scienze Politiche di Torino; pochi anni dopo, è professore a contratto di Istituzioni di Diritto Pubblico presso l'Università Bocconi di Milano. Dal 1996 al 1997 ricopre l'incarico di Assistente di Studio del Giudice Costituzionale Valerio Onida presso la Corte Costituzionale. Nel 1998 viene nominato componente del "Gruppo di lavoro per la Riforma dello Statuto regionale" e a partire dal 2000, per dieci anni, è stato membro del Comitato Legislativo della Regione Lombardia. Ha proseguito la sua carriera facendo parte del Consiglio di Presidenza della Giustizia Amministrativa. Nel 2010 è eletto dal Parlamento in seduta comune componente laico del Consiglio Superiore della Magistratura. Ha ricoperto tale carica sino al 2014, anno in cui viene nominato Giudice della Corte Costituzionale dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Le vie della digital transformation: Luigi Lusuriello al Convegno “Power to our Planet”

Le sfide nel futuro della digitalizzazione: ne ha parlato Luigi Lusuriello, Chief Digital Officer di Eni, durante il convegno organizzato a Castel San Pietro Terme

Guardare al futuro con gli occhi ben fissi sulla digitalizzazione per una tecnologia al servizio delle necessità umane: Luigi Lusuriello si è occupato di questo argomento durante il Convegno "Power to our Planet", al quale ha partecipato in qualità di relatore.
Luigi Lusuriello

Luigi Lusuriello a Bologna: la sfida della Digital Transformation

Una due giorni per guardare ad un futuro in cui l'uomo sfrutterà la tecnologia in modo intelligente per aprire nuove potenzialità e nuove strade innovative che migliorino la vita e il lavoro di tutti: il convegno che si è svolto a Castel San Pietro Terme (Bologna) è stato intitolato "Power to our Planet". Tra i partecipanti vi era anche Luigi Lusuriello, Chief Digital Officer di Eni e impegnato quotidianamente in prima persona nel processo di transizione verso il digital. Il convegno è stato strutturato per risultare un momento unico di confronto e discussione tra i player più in primo piano del settore e le autorità, che si sono alternati per discutere temi centrali per l'economia: cambiamento climatico, energia circolare, efficienza energetica, decarbonizzazione, mobilità sostenibile, tecnologie digitali e nuovi modelli di business, senza dimenticare le competenze e i nuovi ruoli che emergono nell'industria. Tra i relatori, Luigi Lusuriello si è occupato in particolare del panel intitolato "L'evoluzione e le sfide nella Digital Transformation".

Le tappe fondamentali della carriera di Lugi Lusuriello

Attualmente Luigi Lusuriello si occupa di guidare la trasformazione digitale di Eni: il manager ha assunto la carica di Chief Digital Officer del Gruppo il 18 settembre 2018. Laureato in Ingegneria Meccanica, la sua esperienza professionale spazia dall'Italia all'estero ed è ricca di ruoli di crescente rilevanza. In Agip S.p.A. gli viene affidato l'incarico di progettista di strutture onshore e offshore nella Direzione Ingegneria, ma in seguito arriva a ricoprire i ruoli di Project Manager, Production Manager e Capo Distretto a Ortona, quest'ultima carica ricoperta anche in Val d'Agri. Dal 2004 il suo profilo professionale si apre verso orizzonti internazionali: è Managing Director di Eni Congo e in seguito di Eni UK. Per completare la sua formazione, Luigi Lusuriello ha preso parte nel 2009 al corso "The Oxford Advanced Management and Leadership Programme" presso la Said Business School University di Oxford. Nel 2011 viene nominato Senior Vice Presidente per il Programma Iraq, mentre dal 2013 al 2018, prima di ricoprire l'attuale carica, è Executive Vice President Operations per il Gruppo Eni.

L’AD e DG di Terna Luigi Ferraris a QN: il futuro dell’Italia passa attraverso l’elettricità

L’impegno di Terna nella transizione energetica per sostenere la crescita del Paese: intervistato da QN, l’AD e DG Luigi Ferraris fa il punto sui progetti in fase di realizzazione
Luigi Ferraris

L'elettrodotto Italia-Montenegro e altri progetti: l'AD e DG di Terna Luigi Ferraris a QN

Inaugurato lo scorso 15 novembre a Cepagatti dall'Amministratore Delegato e Direttore Generale di Terna Luigi Ferraris , l'elettrodotto Italia-Montenegro è "un'eccellenza tecnologica" che permette "sia di importare sia di esportare energia, favorendo l'utilizzo di risorse più efficienti". È lo stesso AD e DG di Terna a parlarne in un'intervista pubblicata da QN lo scorso 2 dicembre. L'opera si estende per 445 km dalla stazione elettrica di Cepagatti, in provincia di Pescara, a Lastva, nel comune di Kotor. "Il collegamento è cruciale per l'integrazione dell'intera area balcanica nell'Unione Europea, attraverso l'Italia" ha spiegato Luigi Ferraris nell'intervista, sottolineando anche come si tratti di una infrastruttura dal "forte valore strategico" anche per l'Unione energetica europea. Non a caso anche la Commissione Europea ne ha cofinanziato gli studi di fattibilità. "L'energia è il primo passo per sviluppare investimenti e quest'opera rappresenta più di una semplice collaborazione tra Italia e Montenegro" ha evidenziato infine l'AD e DG del Gruppo.

Luigi Ferraris, l'intervista a QN: il valore del Piano Strategico di Terna per il futuro dell'elettricità

A QN l'AD e DG Luigi Ferraris spiega anche come Terna si prepari a traghettare il Paese nel futuro dell'elettricità. Sullo sfondo le sfide della transizione energetica: non occorre solamente "rendere la rete elettrica più solida e ridurre le congestioni" ma anche "sviluppare capacità di accumulo e investimenti in innovazione e digitalizzazione". Il Gruppo risponde con un Piano Strategico che prevede, nei prossimi 5 anni, investimenti per 6,2 miliardi di euro sulla rete elettrica nazionale. Tra le opere prioritarie il collegamento Continente-Sicilia-Sardegna, inserita nel Piano di Sviluppo 2018: "Sono stati avviati contatti con le Regioni per condividere il progetto che verrà, poi, avviato in autorizzazione". Secondo l'AD, l'Italia ha le potenzialità per "diventare il cuore europeo della trasmissione elettrica e del dispacciamento": in questa prospettiva il ruolo di Terna sarà cruciale "nell'assicurare la piena integrazione delle fonti rinnovabili garantendo sicurezza, efficienza e sostenibilità del sistema". Il gruppo è già al lavoro: "Il collegamento Italia-Francia entrerà in esercizio entro la prima metà del prossimo anno. L'interconnessione sottomarina che unirà Italia e Tunisia è recentemente entrata in una fase operativa dopo la firma di un protocollo d'intesa tra Terna e Steg". D'altronde, come evidenzia Luigi Ferraris"le interconnessioni con l'estero garantiscono sicurezza e sostengono la piena integrazione dei mercati europei dell'energia e dei servizi".

Gianpietro Benedetti: la posizione finanziaria di Danieli

La famiglia Benedetti, e in particolare il Presidente e Amministratore Delegato Gianpietro Benedetti, da sempre agiscono per mantenere sana l'azienda alla quale il manager ha dedicato tutta la sua vita professionale: Danieli S.p.A., conosciuta nel mondo per la produzione di impianti siderurgici.
Gianpietro Benedetti

Gianpietro Benedetti: la situazione finanziaria di Danieli

La famiglia Benedetti agisce da sempre nell'ottica di rafforzare ulteriormente dal punto di vista patrimoniale la cassaforte di Danieli S.p.A., multinazionale con sede a Buttrio che è riconosciuta a livello internazionale per la produzione di impianti siderurgici. Attualmente guidata da Gianpietro Benedetti, figura chiave nel processo di innovazione e digitalizzazione, mantiene una situazione patrimoniale florida. La cassaforte di Danieli, dal bilancio consolidato con un utile di 50,5 milioni e un patrimonio netto di 1,8 miliardi, vede Bendetti come azionista in usufrutto al 50% (la nuda proprietà p della lussemburghese Gestione Jp) mentre la famiglia Mareschi Danieli è azionista tramite l'accomandita Gestioni Magma. La posizione finanziaria dell'azienda guidata da Gianpietro Benedetti resta florida, con un patrimonio netto salito anno su anno oltre i 108 milioni.

Gianpietro Benedetti, cuore pulsante di Danieli S.p.A.

Gianpietro Benedetti guida Danieli S.p.A. in qualità di Presidente e Amministratore Delegato. È inoltre impegnato dal 2010 nel ruolo di Presidente della Fondazione "ITS - Istituto Tecnico Superiore nuove tecnologie per il Made in Italy, indirizzo per l'industria meccanica ed aeronautica" (Udine). Dopo aver concluso gli studi presso l'Istituto Tecnico "A. Malignani", entra in Danieli nel 1961 in qualità di ingegnere progettista. Viene promosso pochi anni dopo alla direzione dell'Ufficio Tecnologie e Processo di Laminazione: è l'inizio di un'esperienza professionale di successo, che lo porta ad assumere gli attuali incarichi nel 2003. È Co-Amministratore Delegato nel 1986, Direttore Generale dal 1991 e AD dal 1999. Da settembre 2017 è inoltre Presidente del Consiglio di Amministrazione dell'Executive Board in Danieli. Gianpietro Benedetti ha saputo portare avanti un percorso di trasformazione e costante crescita all'interno dell'azienda, senza però snaturare il sistema valoriale che ne caratterizza le attività. Oltre a tre lauree ad honorem conseguite nel corso degli anni per le sue competenze professionali, il manager è titolare di numerosi brevetti per macchine e processi per la produzione dell'acciaio, con oltre 80 invenzioni registrate a suo nome. Ha ricevuto la Tadeusz Sendzimir Memorial Medal nel 2018.

PFE S.p.A. rappresenta le imprese familiari ad Azimut Expo

Una cornice prestigiosa per un incontro interessante, che ha visto Salvatore Navarra protagonista per rappresentare l'eccellenza delle imprese familiari italiane: il professionista ha raccontato la storia di PFE S.p.A. all'Azimut Expo, evento organizzato presso la fiera di Milano-Rho.
PFE S.p.A.

PFE S.p.A.: Salvatore Navarra parla della forza delle imprese familiari

"Siamo stati invitati qui ad Azimut Expo per partecipare ad un panel sull'impresa a conduzione familiare per raccontare la crescita dell'azienda di famiglia": Salvatore Navarra, Presidente del CdA di PFE S.p.A., è intervenuto in qualità di relatore durante l'evento milanese ALI Expo (Azimut Libera Impresa Expo 2019 - L'arte di fare impresa). Lo speech di Salvatore Navarra, intitolato "Le sfide dell'impresa a conduzione familiare", si è incentrato sul narrare la storia di PFE S.p.A. e le principali attività per portare avanti un'impresa all'insegna della crescita. "Partecipare a questa iniziativa è stato molto interessante, peraltro in un panel particolarmente qualificato: oltre alla mia presenza in qualità di imprenditore, vi hanno partecipato anche altri professionisti e consulenti" - ha dichiarato il Presidente del CdA. L'evento si è svolto all'interno della Fiera di Rho, in una cornice di alto profilo che ha visto la partecipazione di 260 operatori, 280 speakers e 14.000 partecipanti. "La condivisione del panel è stata allargata a tutti sui temi della pianificazione, la visione e la strategia che sono i fattori che caratterizzano il successo di un'impresa. Abbiamo toccato anche il tema della professionalizzazione della governance che, è chiaro, in un'impresa familiare diventa determinante per la crescita e il raggiungimento degli obiettivi prefissati".

PFE S.p.A.: i servizi e il ruolo di Salvatore Navarra

PFE S.p.A. è tra i leader italiani nel settore del Cleaning e del Facility Management. La sua esperienza, di oltre trent'anni, garantisce un'ampia gamma di servizi che facilitano l'impresa e si rivolgono sia a clienti pubblici che privati. L'azienda si occupa di sanificazione, cleaning, bonifiche delle condotte aerauliche, portierato, lavanderia, cura del verde, facchinaggio, vigilanza e altri servizi ausiliari e di assistenza sociosanitari. Una peculiarità di PFE S.p.A. è l'innovativo metodo di lavoro "Clever Job", di cui detiene il brevetto industriale: Clever Job consente di ridurre fino al 25% i tempi di lavoro e dei consumi legati alle varie attività di cleaning. Questo metodo dimostra l'impegno da sempre portato avanti in azienda verso l'innovazione non solo dei processi interni, ma dell'intero comparto del Cleaning e del Facility Management a livello europeo. Attualmente l'impresa è guidata da Salvatore Navarra, Presidente del CdA e figura chiave all'interno dell'azienda. PFE S.p.A. fa parte del progetto ELITE di Borsa Italiana, programma internazionale del London Stock Exchange Group che punta a valorizzare attività ambiziose e con un solido modello di business, in continua crescita.

Nuova sede CDP a Napoli: il commento di Fabrizio Palermo

A pochi passi da Palazzo San Giacomo, sede del Comune di Napoli, apre Cassa Depositi e Prestiti: l’Amministratore Delegato Fabrizio Palermo commenta il nuovo piano industriale che coinvolge il Sud

Fabrizio Palermo, AD e DG Cassa Depositi e Prestiti

CDP apre a Napoli, Fabrizio Palermo:" Segno di vicinanza a tutto il Sud"

Dopo Verona e Genova è il turno di Napoli: il 29 novembre Cassa Depositi e Prestiti ha infatti ufficialmente aperto la nuova sede della società nel capoluogo partenopeo, confermando la "vocazione territoriale" del nuovo piano industriale presentato a fine 2018. "A livello territoriale questo è il terzo ufficio di nuova generazione che stiamo aprendo - ha commentato Fabrizio Palermo - che per noi è un segno tangibile di vicinanza non solo alla Campania, ma a tutto il Sud". Le parole dell'AD evidenziano l'importanza che CDP vuole dare al Mezzogiorno e in generale a tutto il tessuto urbano nazionale: "Le prossime aperture saranno appunto a Bari e a Palermo: per noi una presenza territoriale significa riavvicinarsi al territorio, ovvero alle imprese, agli enti pubblici e alle infrastrutture in generale, ma chiaramente portando anche tutto il nostro sistema di relazioni con le nostre partecipate". La presenza di CDP sia a Napoli che negli altri capoluoghi italiani non sarà di rappresentanza ma operativa a tutti gli effetti: garantirà infatti assistenza a imprese e pubblica amministrazione grazie alla fornitura di servizi di consulenza, progettazione e programmazione per la realizzazione di opere pubbliche e private. Per la società sarà dunque possibile rispondere concretamente ad uno degli altri temi affrontati dalla nuova strategia di CDP, l'accesso al finanziamento per le imprese: "Anche il nostro impegno finanziario sta aumentando, sia sul segno dell'export che di finanziamenti indiretti, e recentemente abbiamo firmato un accordo importante col Gruppo UBI per concedere finanziamenti a livello locale alle aziende". Oltre alle imprese del territorio campano, tra le quali la società annovera già diverse importanti partecipate come Fincantieri, Snam e Terna, CDP coinvolgerà anche le amministrazioni locali, mantenendo tuttavia salda l'ottica privata degli investimenti: "CDP non lo definirei un intervento pubblico - specifica Fabrizio Palermo - ma un sostegno allo sviluppo di questa importante Regione in una logica privata, perché ricordo che noi amministriamo il risparmio dei correntisti e dei sottoscrittori di buoni e libretti postali: siamo un soggetto che in un certo senso è a cavallo tra mondo privato e istituzioni, e riteniamo che questo connubio sia una formula molto efficace per sostenere lo sviluppo del territorio".

Imprese e innovazione: CDP, guidata da Fabrizio Palermo, punta su un Fondo da 1 mld

Nel nuovo piano industriale di Cassa Depositi e Prestiti, primo operatore nel venture capital in Italia, viene affrontata un'altra criticità estremamente rilevante per il futuro del Paese: i bassi investimenti in innovazione e sviluppo delle imprese italiane, che pesano in percentuale sul Pil per l'1,3% a fronte di una media Ue quasi del doppio. Per questo a novembre Fabrizio Palermo, in occasione dei 170 anni della società, ha annunciato un Fondo Innovazione da 1 miliardo: "Una nuova spinta che vuole fare leva su innovazione, inclusione e sostenibilità con un approccio del tutto nuovo, basato su un rapporto più solido con il territorio, sulla volontà di fare rete e sulle competenze finanziarie e industriali che rendono CDP un'istituzione unica nel contesto nazionale". Con le nuove sedi e il conseguente riavvicinamento ai territori, gli investimenti nelle infrastrutture e il nuovo Fondo, CDP ha tutte le carte in regola per assumersi la responsabilità dell'innovazione tecnologica del Belpaese.

Claudio Machetti: un percorso professionale di successo

Claudio Machetti è un manager affermato nel settore finanziario: la sua carriera professionale prende avvio agli inizi degli anni '80 presso il Banco di Roma, per poi continuare con Ferrovie dello Stato, Fercredit, e, dal 2000, Enel. Grazie alla sua lunga attività professionale, oggi è riconosciuto come figura di rilievo all'interno del Gruppo.
Claudio Machetti

La formazione e i primi incarichi di Claudio Machetti

Dopo la maturità classica ottenuta presso il Liceo Classico "Tito Lucrezio Caro" di Roma, nel 1982 Claudio Machetti consegue la Laurea in Scienze Statistiche presso l'Università "La Sapienza". Impiegato nella filiale milanese del Banco di Roma, nel 1984 passa alla Direzione di Roma in qualità di analista finanziario. In seguito, si specializza in equity e assume il ruolo di funzionario nell'Ufficio Analisi Finanziarie del Banco di Roma, società in cui lavorerà fino al 1992 come Responsabile del Nucleo Analisti Finanziari. In quell'anno, inizia la sua esperienza professionale in Ferrovie dello Stato, inizialmente come Dirigente Responsabile dell'Unità Mercati Finanziari e in seguito come Direttore della Finanza Operativa. Nel, contempo riveste anche la carica di Amministratore Delegato di Fercredit, società di servizi finanziaria captive di Ferrovie dello Stato.

Claudio Machetti e l'approdo in Enel

A seguito dell'esperienza con il gruppo ferroviario italiano, Claudio Machetti inizia (2000) la propria carriera all'interno di Enel in qualità di Responsabile dell'Area Finanza. In seguito, collabora alla fondazione di Enelfactor, la società di factoring per le attività del Gruppo di cui assume anche il ruolo di Amministratore Delegato. Dal 2000 fino al 2014, invece, è Presidente della società assicuratrice Enel Insurance. Dagli anni successivi, ricopre cariche di crescenti responsabilità: prima Presidente dei fondi pensione Fondenel e Fopen, poi (2005) Direttore Finanziario a diretto riporto dell'Amministratore Delegato, e nel 2009 Direttore della neonata divisione Risk Management. A seguito della ristrutturazione del Gruppo, che ha portato all'organizzazione di Enel in quattro linee di business - nello specifico, Generazione Globale, Infrastrutture e Reti Globale, Trading Globale ed Enel X - Claudio Machetti assume la direzione della linea di Global Trading. Attualmente è anche Amministratore Unico di Enel Global Trading S.p.A., veicolo societario della business line.

mercoledì, dicembre 11, 2019

MilleVoi 2019 - Tutte le puntate.

Episodio 3 Le Civiltà del Serpente

Come si fa ad usare un diffusore di essenze?

Il diffusore di essenze è uno strumento importante che adempie a diverse funzioni: rende fresco e rigenerante l'ambiente circostante e, mediante l'utilizzo di oli essenziali, la purifica da fumo o altre sostanze dannose per chi le respira. 

Oltre a qualità estetiche possiede anche caratteristiche terapeutiche.

Diffusori per ambiente: oli essenziali o aromi


Esistono in commercio diversi tipi di diffusori, che variano dai semplici Profumatori per ambiente che possono utilizzare sia oli essenziali sia aromi, ai Diffusori ad Ultrasuoni oppure alle Lampade Catalitiche Lampe Berger.
È bene chiarire la differenza fra oli essenziali e aromi: i primi vengono estratti dalla sostanza da cui devono prendere le proprietà secondo metodi diversi rispetto al loro reperimento in natura (ad esempio per gli agrumi si utilizza la spremitura a freddo) in modo da conservare quasi completamente le loro caratteristiche organolettiche; i secondi invece sono un mix fra sostanze naturali ed artificiali che ricordano una profumazione preventivamente individuata e non hanno alcuna funzione terapeutica.

Tipologie di diffusori per ambienti


Il mercato offre diverse tipologie di Profumatori per ambiente, con aromi intercambiabili a seconda dei propri gusti sotto forma di ricariche per profumatori.
Il Diffusore ad Ultrasuoni è uno dei modelli più moderni ed utilizza la nebulizzazione di acqua ed olio essenziale scelto perchè la profumazione si diffonda nell'aria goccia per goccia. Si tratta di uno dei prodotti più diffusi e più efficienti al momento ed utilizza sempre oli essenziali, sfruttandone le proprietà terapeutiche.
Il Diffusore di Oli Essenziali nella forma più classica è presentato invece come un barattolo di vetro di piccole o medie dimensioni al cui interno vi è l'olio essenziale che si intende far evaporare e dei bastoncini di legno che ne trasportano il profumo. 

In questo caso il principio è molto semplice da comprendere ed infatti l'essenza a contatto con il legno può evaporare e distribuirsi nell'ambiente circostante. Per rinnovarne la profumazione basta capovolgere il bastoncino e la differenza sarà immediata. Anche per questo prodotto esistono una certa vastità di Ricariche per diffusore oli essenziali differenti per entità e freschezza.
La Lampada Catalitica Lampe Berger sfrutta la combustione: mediante l'accensione di un apposito stoppino si innesca il meccanismo di distribuzione del profumo. Stoppini di ricambio e profumazioni di diverse tipologie si trovano comunemente nei negozi fisici ed online che trattano questo genere di articoli. 

Questo prodotto è stato utilizzato da moltissimi personaggi di spessore culturale e mediatico per la sua straordinaria efficacia, sin dalla sua comparsa nel mercato internazionale.

Come si utilizza un diffusore di essenze?


A seconda della tipologia scelta fra quelle proposte e descritte in precedenza, si può procedere con l'assemblaggio e la messa in funzione del prodotto indicato mediante l'opportuno libretto istruttivo.
Per quanto riguarda la scelta degli oli essenziali da utilizzare, molto dipende dai gusti personali relativamente al tipo di profumazione che si intende diffondere.
Generalmente nei periodi più umidi si utilizzano oli essenziali a base di lavanda o di eucalipto per allontanare gli insetti; l'olio essenziale di timo aumenta le difese immunitarie; per il suo effetto antidepressivo si può utilizzare il bergamotto; per il raffreddamento e problemi di muchi in eccesso si possono utilizzare anche il limone oppure il pino Mugo; per periodi particolarmente stressanti è consigliabile utilizzare essenze come arancio o menta. 

Ogni ricarica per diffusore di oli essenziali può avere appunto una funzione terapeutica ben precisa, di conseguenza è consigliabile modificarne la profumazione a seconda delle stanze da pervadere.

martedì, dicembre 10, 2019

Erica Taci da Come altalene ad Acqua Pura il percorso della cantautrice fiorentina

Articolo (in progress) di Francesco Bonazzi Bonazeta

 Erica Taci da Come altalene

Erica Taci cantautrice singer songwriter

ad Acqua Pura il percorso della cantautrice fiorentina
 =
Erica Taci da Come altalene ad Acqua Pura il percorso della cantautrice fiorentina Erica-Taci-Come-altalene-Acqua-Pura-percorso-cantautrice-fiorentina Erica-Taci, Come-altalene, Acqua-Pura, percorso, cantautrice, fiorentina Erica Taci cantautrice singer songwriter

Erica Taci da Come altalene ad Acqua Pura il percorso della cantautrice fiorentina - CS Cominicati Stampa https://cs-comunicatistampa.blogspot.com/2019/12/Erica-Taci-Come-altalene-Acqua-Pura-percorso-cantautrice-fiorentina.html Articolo di Francesco Bonazzi Bonazeta #EricaTaci #Comealtalene #AcquaPura #cantautrice #fiorentina #Stampa #Bonazeta @Bonazeta @LadyLisa70

Donne e imprenditoria: le considerazioni di Anna Tavano sul report “She’s the Business”

"Si può e si deve fare di più per sostenere le donne nell'imprenditoria": il monito di Anna Tavano, Head of Global Banking di HSBC Italia, alla luce dei risultati di "She's the Business", report globale sulle disparità di genere nell'imprenditoria.
Anna Tavano

Anna Tavano: "She's The Business", report globale di HSBC, evidenzia le disparità di genere nel fare impresa

"Si può e si deve fare di più per sostenere le donne nell'imprenditoria": le parole di Anna Tavano, Head of Global Banking di HSBC Italia, sintetizzano efficacemente quanto emerge dal report "She's the Business". Lo studio, il primo al mondo a mettere in luce le difficoltà che le imprenditrici trovano nel reperire fondi per avviare e sostenere le proprie attività, ha coinvolto oltre 1.200 donne in Europa, Asia, Messico, Medio Oriente e Stati Uniti. Il report è stato per analizzare le sfide che le donne sono chiamate ad affrontare quotidianamente nell'intraprendere il loro percorso professionale nell'imprenditoria. "Ciò che emerge chiaramente da questa ricerca su scala globale è che vi è disparità anche quando le donne fanno le imprenditrici, e trovano maggiori difficoltà nel raccogliere capitali", ha sottolineato in merito Anna Tavano, Head of Global Banking di HSBC Italia: i risultati dello studio denotano infatti come più di un terzo delle donne imprenditrici debba affrontare pregiudizi di genere durante la fase di raccolta di capitali. Un trend che emerge in particolare dalla fase di valutazione dell'investimento, durante il quale vengono loro poste domande finalizzate a verificarne la loro credibilità come imprenditrici.

Valorizzare e supportare le iniziative imprenditoriali femminili: l'invito di Anna Tavano

Il report "She's the Business", su cui si è espressa anche la Head of Global Banking di HSBC Italia Anna Tavano, rileva come in merito alle disparità di genere persistano grandi differenze tra i mercati. Livelli più elevati si riscontrano in Regno Unito (54%) e Stati Uniti (46%), mercati occidentali e maturi. La percentuale di disparità più bassa è stata individuata invece nella Cina continentale (17%). Nonostante ciò se le imprenditrici di Hong Kong (68%) e Singapore (59%) hanno meno probabilità di ottenere finanziamenti, l'investment pitch delle statunitensi (65%) e delle francesi (62%) godono di maggiori possibilità di successo. Questo anche a fronte di un'ulteriore complicanza, riscontrabile proprio in fase di lancio di nuovi finanziamenti: il 61% del campione, quasi due terzi, ammette infatti di essersi trovato davanti a team di valutazione composti quasi esclusivamente da investitori uomini. Non solo: dallo studio si evince inoltre come a livello globale, a parità di condizioni, le imprenditrici raccolgano in media il 5% di capitali in meno rispetto ai colleghi uomini. Le differenze maggiori sono state localizzate negli Stati Uniti (8%), in Francia (7%) e nel Regno Unito (6%). Di conseguenza, il 58% delle donne imprenditrici intervistate teme che le differenze di genere possano compromettere le fasi di raccolta di capitali. Insomma, un quadro non propriamente edificante. Per invertire la tendenza, serve grande impegno, come osserva Anna Tavano: "HSBC lavora con gli imprenditori di tutto il mondo e vogliamo aiutare le donne a far crescere le loro imprese attraverso la raccolta di fondi, la creazione di network e opportunità di mentorship. La nostra partnership con AllBright ci rende molto orgogliosi, in quanto ci permette di sostenere network di donne".

Anna La Rosa, da giornalista RAI alla nascita di yourNEXT

Managing Director di yourNEXT, società di comunicazione strategica e istituzionale, Anna La Rosa vanta una solida esperienza professionale nel settore grazie ai ruoli ricoperti nelle istituzioni, alle docenze universitarie e alle numerose conduzioni RAI, tra le quali spiccano i vent'anni di "TeleCamere", nota rubrica di politica e attualità.
Anna La Rosa

Anna La Rosa, una vita al servizio della comunicazione: da cronista parlamentare al managing di yourNEXT

Nata a Gerace, in Calabria, Anna La Rosa si laurea in Filosofia e Pedagogia, diventando in seguito giornalista professionista nel 1988. Dopo sei anni come cronista parlamentare per l'agenzia Adnkronos e dopo aver ricoperto il ruolo di Capo Ufficio Stampa presso il Ministero del Lavoro, nel 1991 inizia il suo percorso in RAI nella redazione politica del TG2, diventandone caporedattrice 4 anni dopo. "Tvzone - Raccolta Differenziata", "Stazione Centrale", "Mio Capitano", "Napoli Capitale", "Uomini", "Storie", "Go Cart" sono alcuni dei programmi innovativi realizzati dalla giornalista negli anni in RAI: nel 1995 va in onda "TeleCamere", il famoso rotocalco d'informazione politica, parlamentare ed economica di cui è autrice e conduttrice e che per 20 anni seguirà la vita istituzionale del Paese, con una serie di speciali dedicati a tematiche come l'ingresso dell'Italia in Europa o il Giubileo del 2000. Specializzata fin dai primi anni di attività nel settore dell'informazione medico-sanitaria, con un focus su pedagogia e psicologia dell'età evolutiva, dal 1997 al 2015 conduce "TeleCamere Salute", primo programma a riprendere operazioni chirurgiche in diretta. Prima Vicedirettore di Rai Notte nel 1998, poi Direttore di "Tribune e Servizi Parlamentari" (oggi Rai Parlamento), nel 2005 realizza il programma d'informazione di prima serata "Alice, il paese delle meraviglie". Nel 2018 la svolta manageriale: con la vasta esperienza acquisita, entra in partnership con yourGROUP, la prima società italiana di advisory operativa C-Level, lanciando yourNEXT, che offre ad aziende e imprenditori numerosi servizi specializzati nella comunicazione con mass media, opinione pubblica e istituzioni.

Anna La Rosa, gli altri ambiti di competenza

Attualmente professore associato di Comunicazione Scientifica e Biomedica presso l'Università La Sapienza (Facoltà di Medicina e Chirurgia), docente di Giornalismo Televisivo prima presso l'Università Statale di Tor Vergata e in seguito presso l'Università LUISS Guido Carli, Anna La Rosa è membro della Fondazione "Cure Focus Research Alliance" e responsabile dell'informazione per l'Italia, collabora con la rivista scientifica statunitense "CellR4" ed è autrice della rubrica "Salute & Benessere" sul settimanale "Visto". Sempre in ambito medico-scientifico, la giornalista collabora con l'Istituto Italiano di Psicopatologia di Roma ed è volontaria in ONLUS e comunità per minori con problemi dell'età evolutiva: da sempre impegnata nella pedagogia, tra le sue attività la fondazione, sotto la supervisione della dott.ssa Elena Gianini Belotti, di un asilo nido integrato a Milano ispirato al metodo Montessori e infine l'istituzione e la direzione di una scuola materna/asilo nido per bambini disagiati e portatori di handicap a Quarto Oggiaro.

Nasce Brandme.io, la rivoluzione del personal branding


La nuova attività va ad affiancare quella tradizionale della web agency  Balckmarketing.guru e sarà di supporto anche alla recente consacrazione che Giacomo Arcaro ha avuto nel campo della blockchain dove è considerato tra gli advisor più autorevoli al mondo.


Giacomo Arcaro lancia la sua sfida: aiutare imprenditori, professionisti e manager a sfruttare gli stessi strumenti che lo hanno portato a diventare,secondo Forbes, uno dei maggiori growth hacker europei.

Growt hacker  tradotto in parole semplici vuol dire colui che si “concentra sulla crescita di un business ragionando fuori dagli schemi”. E Giacomo Arcaro, fondatore di Blackmarketing.guru, che da molti viene considerata tra le migliori web agency nazionali, non si è mai lasciato incatenare dagli schemi sin da giovanissimo quando iniziava a utilizzare strategie non convenzionali sperimentandole nel modo delle pr in discoteca.

Da allora di strada ne ha percorsa tanta e oggi viene considerato uno dei principali Advisor in campo blockchain secondo ICOBench, la principale piattaforma al modo di benchmarking nel mondo delle nuove monete elettroniche.

Il nuovo progetto nasce dalla volontà di raggiungere un obiettivo: eliminare il paradosso che vede imprenditori di livello e qualità nel proprio campo ma perfetti sconosciuti in rete e nei social e al contrario persone “famose” in rete che non hanno nessuna attività di rilievo nel mondo reale.

Proprio per colmare questo gap e smontare quello che è definito come “il paradosso dei social”, nasce BrandMe.io, ramo d’azienda di Blackmarketing.guru specializzato in Personal Branding.

Attraverso un approccio professionale con un team di esperti (i migliori specialisti del settore direttamente selezionati dal fondatore della Blackmarketing.guru) e l’uso delle migliori tecnologie, i servizi di Brandme.io possono raggiungere tutta una serie di risultati: acquisizione di nuovi clienti, gestione delle relazioni con i clienti, aumento della reputazione dell'azienda, coinvolgimento di nuovi partner e nuovi dipendenti, innovazione aziendale, relazioni con persone influenti, aumento della rilevanza in rete, diventare opinion leader, mirare ad una carriera prestigiosa.

 “Stiamo vivendo un’epoca incredibile e mai vista prima – dichiara Giacomo Arcaro - Il mondo sta cambiando alla velocità della luce trasformando gli imprenditori in idoli ed i consumatori in discepoli. Oggi più che mai è importante investire in personal branding, per questo motivo BrandMe sarà fondamentale nello sviluppo delle industrie del domani”.

Il management del progetto Brandme.io condividerà con Blackmarketing.guru la sede storica nella chiesa sconsacrata di Rimini. Sono già numerosi i Top manager – tutti rigorosamente “undercover” per ovvie questioni di riservatezza – ad aver aderito a questa iniziativa che permette loro di connettersi a tutti gli stakeholders delle loro aziende senza dover impiegare tempo prezioso a questa attività sui social network.

In pratica BrandMe.io pone al centro dell’attenzione il professionista, imprenditore o manager realizzando quello che altre realtà fanno da tempo per star dello spettacolo o dello sport e per leader politici.
Inoltre, aspetto strategico di grande importanza nel mercato contemporaneo, questi servizi di personal branding che sfruttano il potere della rete e dei social network, riescono a connettere le figure chiave di un’attività con centinaia di decision maker all’estero aprendo così le imprese a nuove opportunità e nuovi mercati.


Ufficio Stampa
Salvo Longo (info@ufficiostampaecomunicazione.com)

- da MilleVoci 2020 ©

lunedì, dicembre 09, 2019

- da MilleVoci 2020 ©

- da MilleVoci 2020 ©

- da MilleVoci 2020 ©

- da MilleVoci 2020 ©

- da MilleVoci 2020 ©

domenica, dicembre 08, 2019

- da MilleVoci 2020 ©

sabato, dicembre 07, 2019

- da MilleVoci 2020 ©

- da MilleVoci 2020 ©

- da MilleVoci 2020 ©

- da MilleVoci 2020 ©

- da MilleVoci 2020 ©

- da MilleVoci 2020 ©

- da MilleVoci 2020 ©

- da MilleVoci 2020 ©

venerdì, dicembre 06, 2019

- da MilleVoci 2020 ©

- da MilleVoci 2020 ©

- da MilleVoci 2020 ©

- da MilleVoci 2020 ©

- da MilleVoci 2020 ©

- da MilleVoci 2020 ©

- da MilleVoci 2020 ©

- da MilleVoci 2020 ©

- da MilleVoci 2020 ©

giovedì, dicembre 05, 2019

- da MilleVoci 2020 ©

MilleVoci tv

MilleVoci tv

- da MilleVoci 2020 ©

Silvia Nair nuovo singolo Freedom titletrack videoclip dal film ElNùmeroNueve storia di BatiGoal ReLeone

A cura di Francesco Bonazzi Bonazeta. Silvia Nair canta il nuovo single Freedom titletrack videoclip dal film ElNùmeroNueve storia di BatiGoal ReLeone video di "Freedom" è online, il nuovosingolo della cantautrice Silvia Nair Freedom 

video di "Freedom" è online, il nuovo singolo della cantautrice Silvia Nair è ora disponibile per il download digitale e su tutte le piattaforme e come streaming su Youtube.

"Freedom" è il filo conduttore di "El number Nueve - Gabriel Batistuta" di Colonnasonora, il documentario SenseMedia che celebra la vita e la carriera del maestro argentino Gabriel Batistuta, presentato in anteprima al Festival del cinema di Roma.




Il videomusicale, diretto anche da Pablo Benedetti, ex regista del film "El number nueve - GabrielBatistuta", mostra immagini e momenti del documentario alternati all'elegante e raffinato personaggio della cantautrice Silvia Nair, per la sua voce potente e Le note di pianoforte ricordano gli anni gloriosi di Gabriel Batistuta.

Silvia Nair ha composto e organizzato l'intera colonna sonora del documentario, che contiene musica d'atmosfera perfettamente connessa con la storia del maestro argentino. 

"Freedom" è un'anteprima dello sviluppo di questo artista versatile con carisma internazionale e creatività diversificata.


Silvia Nair cantautrice

film ElNùmeroNueve

film ElNùmeroNueve

BatiGoal ReLeone

Silvia Nair cantautrice

Silvia Nair cantautrice

Silvia Nair cantautrice


Nel 2020 pubblicherà il suo terzo album come compositore con la rinomata produzione olandese di Franck Van Der Heijden e Michael La Grouw sul mercato internazionale.

Silvia Nair è pianista, cantante, cantautrice, autriceperformer. Dopo essersi laureata in giurisprudenza e diventare un notaio, decide di terminare la sua carriera per dedicarsi interamente alla musica. 

Il primo album "Sunrise" è apparso in Giappone e in Estremo Oriente nel 2005, dove ha scalato le classifiche, e l'anno successivo in Europa si aspettava il successo "Shine on Now", che era la colonna sonora di un artista noto a tre. anni nella pubblicità televisiva.

Silvia Nair ha suonato in Italia e in Europa con le più importanti orchestre sinfoniche, sotto la direzione di maestri come Salvatore Accardo, Karl Martin, Marco Boni e molti altri. 

Ha tenuto concerti nei principali teatri di prestigiosi locali, tra cui i siti patrimonio mondiale dell'UNESCO, ed è apparsa in numerosi programmi televisivi.

Ha cantato al presidente Lula in Brasile, alla famiglia reale in Giordania e al parlamento italiano con Andrea Bocelli durante un evento di beneficenza. 

Più volte è apparsa in Vaticano e ha cantato per Papa Giovanni Paolo II e Papa Benedetto XVI. Nel 2011, ha pubblicato il suo secondo album "Ithaca" e lo stesso anno ha ricevuto il premio Montecarlo per "International Artistic Revelation".

 Silvia Nair - Freedom titletrack dal film ElNùmeroNueve storia di BatiGoal ReLeone dal-film-ElNumeroNueve-storia-di-BatiGoal-ReLeone 4 dic 2019 canta, cantautrice, canto, canzone, donne, il-canto-delle-donne, vocal, voce, voice, Women Silvia Nair canta Freedom titletrack videoclip dal film ElNùmeroNueve storia di BatiGoal ReLeone

Silvia Nair cantautrice

nuovosingolo_della_cantautrice_Silvia_Nair_Freedom_titletrack_videoclip_frame_   Alabianca Group Alabianca produttore discografico in Via Emilia Est, 1646, 41126 Modena MO Silvia Nair canta il nuovo single Freedom titletrack videoclip dal film ElNùmeroNueve storia di BatiGoal ReLeone video di "Freedom" è online, il nuovosingolo della cantautrice Silvia Nair Freedom Silvia-Nair,nuovo-single, Freedom, titletrack, videoclip, film ElNùmeroNueve, BatiGoal, ReLeone, video di "Freedom" è online, il nuovosingolo della cantautrice Silvia Nair Freedom Silvia Nair canta il nuovo single Freedom titletrack videoclip dal film ElNùmeroNueve storia di BatiGoal ReLeone video di "Freedom" è online, il nuovosingolo della cantautrice Silvia Nair Freedom Silvia-Nair,nuovo-single, Freedom, titletrack, videoclip, film ElNùmeroNueve, BatiGoal, ReLeone, video - Silvia Nair - Freedom - Playlist - dal film El Numero Nueve colonna sonora prodotta da Ala Bianca Label canta, cantautrice, canto, canzone, donne, il-canto-delle-donne, ILCANTODELLEDONNE, vocal, voce, voice, Women FrancescoBonazziBonazeta A Silvia Nair nuovo singolo Freedom titletrack videoclip dal film ElNùmeroNueve storia di BatiGoal ReLeoneBatiGoal, canta, cantautrice, canto, canzone, Donne, film ElNùmeroNueve, Freedom, il-canto-delle-donne, nuovo-single, ReLeone, Silvia-Nair, titletrack, video, videoclip, vocal, voce, voice, Women Francesco Bonazzi Bonazeta 05/12/19

mercoledì, dicembre 04, 2019

Episodio 2 Memorie Aliene

Milano, lo skyline illuminato da A2A: il commento di Valerio Camerano

"Una scelta illuminotecnica che coniuga l'effetto estetico all'efficienza energetica": l'AD di A2A Valerio Camerano inaugura l'innovativo impianto a Led che illuminerà il Belvedere di Palazzo Lombardia.
Valerio Camerano, AD A2A

A2A fa risplendere di nuove luci lo skyline milanese: la soddisfazione dell'AD Valerio Camerano

Un progetto che, per riprendere le parole dell'AD Valerio Camerano, coniuga innovazione e attenzione al territorio, aspetti che da sempre contraddistinguono l'operato di A2A. Nasce dalla collaborazione tra il Gruppo e Regione Lombardia il progetto illuminotecnico per il Belvedere, trentanovesimo piano del grattacielo dove si riunisce la Giunta regionale. Per il nuovo sistema di illuminazione di Palazzo Lombardia sono stati posizionati 143 apparecchi a Led, che, sfruttando la tecnica RGB e il sistema di controllo Dmx, danno vita a infinite combinazioni cromatiche. Colori diversi, ciascuno con un preciso significato simbolico, a illuminare e ricordare date di valore, come ad esempio la Giornata contro la violenza sulle donne. Un progetto a cui ha lavorato il Gruppo guidato da Valerio Camerano, lo scorso 26 novembre presente alla cerimonia di inaugurazione dell'impianto insieme al Presidente di A2A Giovanni Valotti e al Governatore Attilio Fontana.

A2A, l'AD Valerio Camerano illustra il progetto illuminotecnico per il Belvedere di Palazzo Lombardia

Inaugurando il nuovo impianto di illuminazione, l'AD di A2A Valerio Camerano si è detto soddisfatto "di aver realizzato con Regione Lombardia questo progetto". Nell'iniziativa, come ricordato dall'AD, si riflette il costante impegno del Gruppo nel garantire alle città "servizi con i più alti standard di qualità". Guarda in questa direzione anche l'impianto a Led per il Belvedere: Valerio Camerano ha fatto notare inoltre come la scelta illuminotecnica esprima la capacità di A2A di far coesistere nei suoi progetti "effetto estetico ed efficienza energetica". Il progetto evidenzia il ruolo dell'illuminazione come elemento architettonico e il suo valore nella trasformazione dello skyline urbano.

Cassa Depositi e Prestiti festeggia 170 anni: il commento dell’AD e DG Fabrizio Palermo

L'AD e DG Fabrizio Palermo a Roma inaugura il 170° anno di attività di Cassa Depositi e Prestiti: oggi come allora la vicinanza al territorio è fondamentale per essere prossimi alle imprese e alle comunità locali.
Fabrizio Palermo

Fabrizio Palermo: le celebrazioni per i 170 anni di Cassa Depositi e Prestiti

Il 170° anno di attività di Cassa Depositi e Prestiti è stato inaugurato lo scorso 18 novembre all'ex Poligrafico di Roma. Nel suo intervento, l'Amministratore Delegato e Direttore Generale Fabrizio Palermo ha sottolineato come nel corso della sua storia la missione di CDP sia rimasta la stessa, così come i motivi ispiratori che ne hanno guidato l'evoluzione nel corso della storia. E ora CDP guarda avanti, all'avvio di nuove iniziative, ad accelerare sul fronte dell'innovazione dove "siamo il primo operatore nel venture capital in Italia, con più di 200 startup supportate". Non basta però: "Siamo pronti con il Fondo Nazionale Innovazione con una dotazione di ben 1 miliardo di euro" ha annunciato Fabrizio Palermo. "Creeremo un collegamento strutturato tra idee innovative e imprese" ha spiegato l'AD evidenziando come il Gruppo già partecipi "direttamente e indirettamente oltre 500 aziende in tutte le filiere". E "questo porterà ad un vero e proprio cambio di passo nell'innovazione dei vari settori industriali".

170 anni di CDP: il futuro del Gruppo nelle parole dell'AD e DG Fabrizio Palermo

"CDP investe nelle infrastrutture strategiche del Paese e il nostro obiettivo è creare un sistema di infrastrutture efficienti" ha affermato Fabrizio Palermo nel suo intervento all'evento per i 170 anni di attività del Gruppo a cui ha preso parte anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. "Puntiamo a fare sistema favorendo il dialogo tra le nostre eccellenze produttive, generando iniziative imprenditoriali innovative e sinergie commerciali e industriali anche all'estero" ha aggiunto l'AD citando a riprova la "collaborazione con Eni, Snam, Terna e Fincantieri per lo sviluppo di progetti per la produzione di energie pulite da moto ondoso, da rifiuti e da fotovoltaico". Un'altra testimonianza di questo nuovo approccio riportata da Fabrizio Palermo è la Cdp Academy: "Il primo caso di Academy trasversale ai vari settori industriali, con manager del Gruppo".

martedì, dicembre 03, 2019

Conflitti 58-59 [astrattismo geometrico] by leonardo basile

Angelo Sensitivo Calypso