giovedì, febbraio 27, 2020

MUSICA: LA PROMOZIONE E' IMPORTANTE
L'alternativa di un cantante, per una valida promozione della propria musica e/o della propria immagine artistica, soprattutto se si tratta di un emergente, in assenza di un serio produttore, è quella del "fai da te".
E' certamente la soluzione più sicura per ottenere risultati significativi e gratificanti. Il mezzo dev'essere però a larga diffusione, qualcosa che sia realmente funzionale.
La visibilità è molto importante! Se fatta male sarebbe negativa per l'artista e purtroppo in giro c'è tanto trash che capita molto spesso.
 Le tue canzoni meritano di essere ascoltate!
Componi e scrivi bene, interpreti ottimamente le tue opere o cover ma, pur impegnandoti con passione, non trovi la strada per riuscire ad emergere nel mondo della musica.
Il mondo dello spettacolo è agguerrito e quindi devi decidere cosa fare se vuoi tentare di riuscire ad avere il tuo desiderio, il tuo spazio meritato. Devi farti conoscere dal pubblico, da etichette discografiche, da produttori, manager, dagli addetti ai lavori. Non limitarti ad incidere un disco che resterà, forse, solo nel cassetto di amici e parenti. Divulgalo!
 Fai conoscere la tua musica!
Noi ti offriamo la rara opportunità di emergere, di uscire dall'anonimato, nel modo migliore, la televisione! Lasciamo questa possibile decisione nelle tue mani, servendotela su di un patto d'argento, in modo trasparente! Non perdere l'occasione. Basta fornirci la materia prima per la tua promozione in TV: un video.

Registreremo per te uno o più video delle tue performance, e sarà l’unico costo che affronterai. In un giorno potrai registrare fino a tre video, uno per ogni puntata. I brani potranno essere inediti o cover, ognuno comprensivo di adeguata presentazione del tuo personaggio artistico e della visibilità del tuo lavoro discografico. La quota per realizzare il video è accessibile e di qualità broadcast, full HD.
Dopo che avremo ricevuto un tuo provino ti sarà comunicato l'esito ed in caso positivo le condizioni per accedere. Sarai in scaletta assieme ad artisti di chiara fama nazionale che si esibiranno prima o dopo di te aumentando così l'audience delle tue esibizioni. Sarai presentato con la stessa importanza, non come uno sconosciuto qualunque.
 Dove dovrai recarti per registrare?
I provini sono fatti con l'ausilio del solo audio anche se mp3 o un video se fatto bene (sarà sul ledwall) ed un paio di foto.
Questo materiale è sufficiente per capire se puoi farcela e quindi partecipare al nostro format musicale. Non c'è necessità di spendere soldi per recarsi chi sa dove... inutilmente.
E' necessario essere in studio a Roma, per effettuare le tue registrazioni, in un ambiente televisivo ben attrezzato, a livello broadcast, con un adeguata assistenza tecnica, artistica e logistica. Accessi controllati con documento. Potrai anche chiedere di ricevere copia della tua performance.

 Dove sarà visto MilleVoci?
Le tue performance all'interno di MilleVoci saranno diffuse da tante emittenti televisive regionali (leggi elenco qui), una emittente a copertura nazionale (canale 68 di BOM channel) ed un’emittente a copertura europea della piattaforma Sky (Canale Italia 821) ma anche sul web, in particolare nel nostro canale “MilleVoci” saranno inserite le tue videoclip.
MilleVoci trasmette anche in streaming. Al link seleziona "Dal vivo ora" e godi il tuo spettacolo da giugno in poi in TV fino alla nuova edizione annuale ma sempre su YouTube/MilleVoci. Non poco!

 PER CHIEDERE DI PARTECIPARE:
Sei convinto che una buona promozione televisiva sia utile per la tua carriera artistica? Pensiamo proprio di si! Inviaci allora un tuo provino, può essere solo audio o in audio/video ma anche un link libero.
All'invio del brano, inedito o cover, accludi due fotografie recenti ed un contatto telefonico.
Se non possiedi materiale professionale da proporci registra qualcosa fatto da te ma in modo presentabile.
Se la tua performance sarà ritenuta valida ti comunicheremo le nostre condizioni per la partecipazione.
Gli indirizzi e_Mail utili sono:
Per ulteriori informazioni, se necessario, scrivi un messaggio WhatsApp al numero 347 5180410 includendo il nome e la domanda che intendi formulare. Ti aspettiamo!

MilleVoci è un nome/marchio registrato, Nessuno è autorizzato ad utilizzarlo. Non effettuiamo provini e/o manifestazioni. Le audizioni avvengono con l'ascolto di files audiovisivi al fine della selezione per la partecipazione alla kermesse.

MilleVoci tv

mercoledì, febbraio 26, 2020

Episodio 13 - Chi custodisce il Santo Graal?

martedì, febbraio 25, 2020

Top management di Enel, il profilo professionale di Claudio Machetti

Claudio Machetti è alla guida di Global Trading, la Business Line di Enel che gestisce il sourcing di carbone, gas e olio combustibile, la programmazione della produzione degli impianti, e l'operatività sui mercati all'ingrosso di gas ed energia elettrica in diversi Paesi. Manager dalla consolidata esperienza professionale, grazie alla sua lunga carriera è riconosciuto oggi come una figura di primo piano nel Gruppo Enel.
Claudio Machetti

Claudio Machetti, dai primi incarichi professionali all'approdo in Enel

Originario di Roma, Claudio Machetti ha conseguito una Laurea in Scienze Statistiche presso l'Università La Sapienza nel 1982. La sua carriera ha inizio nel Banco di Roma, prima come dipendente della filiale di Milano nel 1983 e in seguito nella Direzione della capitale nel ruolo di Analista Finanziario. Si specializza in equity e lavora come funzionario per l'Ufficio Analisi Finanziarie del Banco di Roma, società per cui opera in seguito in qualità di Responsabile del Nucleo Analisti Finanziari. Nel 1992 avviene il passaggio all'interno di Ferrovie dello Stato, prima come Dirigente Responsabile dell'Unità Mercati Finanziari e poi come Direttore della Finanza Operativa. Allo stesso tempo collabora nella fondazione di Fercredit, società captive di servizi finanziari, per cui viene nominato Amministratore Delegato. In seguito a tali esperienze di rilievo, nel 2000 Claudio Machetti fa il suo approdo in Enel in qualità di Responsabile dell'Area Finanza, contribuendo inoltre alla nascita della società di factoring per le attività del Gruppo, Enelfactor, di cui assume il ruolo di Amministratore Delegato, e alla fondazione di Enel Insurance, di cui è Presidente fino al 2014.

L'esperienza di Claudio Machetti nel management del Gruppo Enel

Anche in seguito alle esperienze in Enelfactor ed Enel Insurance, e ad altri incarichi ricevuti nei board delle consociate Wind Telecomunicazioni e Terna, Claudio Machetti prosegue la propria ascesa nel Gruppo Enel, ricoprendo ulteriori cariche di responsabilità all'interno della multinazionale dell'energia elettrica e del gas: prima, infatti, è Presidente dei fondi pensione Fondenel e Fopen, poi Direttore Finanziario a diretto riporto dell'Amministratore Delegato, e in seguito, nel 2009, viene nominato alla guida della Direzione Risk Management, la neonata divisione responsabile del controllo dei rischi aziendali (finanziari, creditizi, industriali, assicurativi e quelli relativi alle commodities). Successivamente alla ristrutturazione del Gruppo e all'organizzazione dello stesso in quattro linee di business (Generazione Globale, Infrastrutture e Reti Globale, Trading Globale ed Enel X) Claudio Machetti viene incaricato di guidare la linea di Global Trading, nomina tuttora ricoperta dal manager. Attualmente è, inoltre, Amministratore Unico di Enel Global Trading, società del Gruppo dedicata alle attività della divisione omonima. Figura di rilievo nel management di Enel, nel 2015 viene nominato nuovamente Presidente di Fondenel.

Eni: Luigi Lusuriello ritira il Premio Assochange 2019

"Un apprezzato riconoscimento per il lavoro svolto e un forte incentivo per proseguire su questa strada": così ha commentato Luigi Lusuriello, Chief Digital Officer di Eni, l'assegnazione del Premio Assochange al Gruppo, gratificazione ottenuta grazie ai progressi raggiunti nel processo di trasformazione digitale.
Luigino Lusuriello

Luigi Lusuriello: "Orgogliosi di ricevere il Premio Assochange"

Luigi Lusuriello, Chief Digital Officer di Eni, ha rappresentato il Gruppo ricevendo il Premio Assochange 2019. Giunto alla sua ottava edizione, il riconoscimento è stato consegnato in occasione del Convegno di presentazione dei risultati del 6° Osservatorio sul Change Management in Italia. L'evento si è svolto a Milano, presso Assolombarda. Il Premio è stato consegnato a Eni per "aver valorizzato appieno il connubio tra Tecnologia Digitale e Cambiamento Culturale delle persone", attraverso un progetto globale ambizioso di Change Management, studiato per supportare la digital transformation in atto. La digitalizzazione diventa così un appoggio alla sostenibilità e alla sicurezza delle attività di Eni. "Per noi la trasformazione digitale è un abilitatore di un profondo cambiamento culturale", ha dichiarato Luigi Lusuriello. "È per noi infatti sintesi di un concetto più completo di trasformazione del modo di lavorare delle persone, abilitata dal digitale. Per favorire il cambiamento è imprescindibile un forte programma di Change Management che riesca a valorizzare le diversità culturali, generazionali e professionali e che accompagni le persone a migliorare le loro performances integrandosi con le soluzioni digitali". Il manager ha sottolineato che il Premio rappresenta "un apprezzato riconoscimento per il lavoro svolto e un forte incentivo per proseguire su questa strada".

Luigi Lusuriello: la carriera professionale

Luigi Lusuriello è laureato in Ingegneria Meccanica presso l'Università di Genova. Nel 2009, a carriera avviata, decide di consolidare il suo percorso di formazione attraverso il corso "The Oxford Advanced Management and Leadership Programme" presso la Said Business School University of Oxford. In seguito alla laurea, entra in Agip S.p.A. in qualità di progettista di strutture onshore e offshore nella Direzione Ingegneria. Dal 1992 al 1993 è Construction Yard Manager a Ravenna, dal 1993 al 1994 è Platform Manager in Congo, mentre dal 1994 al 1998 è Manager - Production and Maintenance Technologies per la sede di Crema. Successivamente, ricopre i ruoli di Project Manager, Production Manager e Capo Distretto a Ortona, quest'ultima carica assunta anche in Val d'Agri. La sua carriera si apre sul fronte internazionale con l'incarico di Managing Director di Eni Congo e, in seguito, di Eni UK. Luigi Lusuriello viene nominato Senior Vice Presidente Programma Iraq nel 2011 ed Executive Vice President Operations dal 2013 al 2018. Da settembre 2018 ricopre l'incarico di Chief Digital Officer di Eni, occupandosi di guidare il processo di trasformazione digitale.

lunedì, febbraio 24, 2020

Ganoona dal 31 gennaio con Cent'anni in radio

Da venerdì 31 gennaio sarà in rotazione radiofonica “Cent’Anni” (Noize Hills Records), l’ultimo singolo di Ganoona già disponibile sulle piattaforme digitali. 
Ricordo che presi la scossa la prima volta che ti ho toccata”: così canta Ganoona in una strofa di “Cent’Anni”, brano urban-pop dai toni malinconici e sonorità latine che ha tutte le caratteristiche di una lettera d’amore/odio destinata a un “traditore”, una persona che guadagna la nostra fiducia e poi la usa per scopi e vantaggi personali, la famosa serpe in seno. «“Cent’anni”, come quasi tutti i miei brani, nasce dall’esigenza di raccontare, in primis a me stesso, qualcosa che mi è successo. Il brano parla di una relazione di amicizia molto tossica che mi aveva fatto perdere la serenità e la fiducia in me stesso. Da qui la metafora della vipera e della “serpe in seno” racconta Ganoona - il ritornello è una citazione a un romanzo classico della letteratura latino-americana, “Cent’anni di solitudine” di Gabriel Garcia Marquez. “Cent’anni” mi rappresenta molto musicalmente, essendo una commistione tra sonorità latine e le sonorità più moderne dell’indie pop italiano ed europeo».
Il videoclip di “Cent’Anni”, diretto da Lorenzo Chiesa, racconta la storia di due amici in partenza per un viaggio on the road. All’inizio vi è intesa, ma gradualmente vediamo crescere la tensione in un’escalation emotiva messa in risalto da sequenze di immagini con una marcata mimica teatrale.

Biografia
Ganoona è un cantante, rapper e songwriter italo messicano e vive a Milano. La sua musica è una combinazione di sonorità black, latin e hip-hop accompagnata da liriche intense ed originali. Si esibisce sia in Italia che in Messico distinguendosi per i suoi live energici e coinvolgenti. Ganoona collabora a tutti gli aspetti del progetto artistico, spesso è anche compositore dei suoi brani. A dicembre 2018 il brano in collaborazione con Kayla, prodotto da Polezski (già produttore di Gemitaiz e altri), viene selezionato da Youtube Music come “Artists to watch – il suono del 2019”. L’ultimo inedito “Cent’Anni” (Noize Hills Records) sarà in rotazione radiofonica dal prossimo 31 gennaio.

venerdì, febbraio 21, 2020

giovedì, febbraio 20, 2020

Tommaso Dognazzi @ VS Arte - Milano: "Quasar e Subliminazione", a cura di Francesco Galli e Alberto Gerosa

Tommaso Dognazzi @ VS Arte - Milano: "Quasar e Subliminazione", a cura di Francesco Galli e Alberto Gerosa

VS Arte è lieta di ospitare nel suo salotto dell'Arte nel cuore di Brera "Quasar e Subliminazione",la nuova personale dell'artista cremonese Tommaso Dognazzi.
Da sempre attenta a selezionare opere inedite e ardite sperimentazioni, con un occhio di riguardo alle nuove generazioni di artisti e a progetti di respiro internazionale, valorizzando in particolare la pittura, con le opere di Tommaso Dognazzi VS Arte ha voluto offrire al suo pubblico un nuovo esempio di artista talentuoso capace di stupire attraverso il fascino del passaggio dal figurativo all'informale e un utilizzo di materiali ed effetti visivi inedito e sorprendente.
Le opere di Dognazzi esposte ripercorrono, infatti, il percorso di un artista che, fin dalla prima giovinezza, è stato affascinato dall'arte contemporanea e dalle opere dei grandi maestri dell'astrattismo geometrico del '900. L'obiettivo pittorico di Dognazzi è costantemente quello di trovare nuove ispirazioni dialettiche, seguendo un percorso di ricerca personale continuo, che tende ad abbandonare gradualmente le testimonianze della pura composizione geometrica, per arrivare a sostanziarsi, in uno scenario più sintetico, nella rappresentazione istantanea di forme di concettualità spaziale e dinamica – da cui Sublimazioni e Quasar – e anche oltre, fino alle ultime opere, realizzate non più su tela ma su plexiglass e per la prima volta in esposizione. 
Il giudizio della critica
"Figlio di una collezionista, Tommaso Dognazzi è cresciuto in un ambiente innamorato dell'arte contemporanea e ha formato il proprio gusto lungo la strada tracciata dai Nigro, dagli Alviani e dai Bonalumi, per citarne solo alcuni. Dopo un lungo percorso di progressiva distillazione delle forme, si affaccia ora alla fase della piena maturità. Pur continuando a mettere in scena lo scacco al principio di simmetria e ai processi gnoseologici (spesso sdrammatizzando grazie a una fine ironia), oggi l'artista pare spingersi oltre. Alla scoperta dei codici primigeni di un linguaggio e, forse della stessa Vita, riprodotta in quel "vitro" postmoderno che si chiama plexiglass". (Alberto Gerosa, giornalista e critico d'arte).
"Nell'epoca contemporanea continua ad esistere il figurativo; già però nel genere figurativo la rivoluzione è stata la sintesi. Con l'astrazione il messaggio dell'artista si svolge su un piano totalmente diverso; Mario De Micheli diceva che sono due modi differenti di intendere la religiosità. Tommaso, che sulla tela dipingeva messaggi che mi hanno richiamato prima il telegrafo e poi le Pulsar, è andato oltre con il supporto del plexiglass, per cui l'osservatore vede i sogni dell'artista ed oltre ai segni: innovazione assoluta". (Gregorio Rossi, critico d'arte).
"Che siano astri o microscopiche entità, le geometrie di Dognazzi tendono ad un energico equilibrio, animato da una fervente dinamicità insita nell'animo dell'artista. La pittura narrativa, la sperimentazione, l'astrattismo gestuale giungono ad un autentico, mistico lirismo". (Carlo Galli, critico d'arte).
"Chi conosce Tommaso sa che ha sempre dipinto trasmettendo emozioni agli uomini comuni, che conducono una vita comune, inserita in modo ordinato nella quotidianità, insomma, un pubblico difficilissimo". (Luigi Aschedamini, Architetto)

"Più che a un codice, la pittura di Tommaso Dognazzi assomiglia alla trascrizione dei silenzi tra una parola e l'altra, del vuoto fra un segno e l'altro, della distanza fra l'intenzione e l'azione.  L'intento è quello di rappresentare in forma grafica il conflitto fra l'aspettativa e la realtà, fra il percorso e il cammino, fra l'idea pura e la materia.  Chi osserva i quadri di questo artista avvertirà il disagio della scollatura, la delusione della discrepanza, la frustrazione derivante dalla dipartita dell'atteso.  Il disagio insomma di essere umani. (Franco Rado).
Tommaso Dognazzi
"QUASAR E SUBLIMINAZIONE"
a cura di Francesco Galli e Alberto Gerosa
vernissage giovedì 20 Febbraio 2020 18:30 
mostra 21 Febbraio 2020 - 28 Marzo 2020
orari: dal martedì a sabato dalle 10.30 alle 19.30 Ingresso libero
VS Arte
Via Ciovasso, 11 – Milano
Biografia dell'artista 
Nasce a Cremona nel 1966; fin da giovanissimo dimostra uno spiccato e fervido interesse per l'arte contemporanea, affascinato dalle opere dei grandi maestri dell'astrattismo geometrico del '900, ma stimolato anche dalla passione dei genitori,  grandi collezionisti, e degli incontri con straordinari artisti italiani e stranieri, da cui prende ispirazione concettuale, che viene poi elaborata e tradotta sulla tela.
Il percorso artistico si espleta partendo dalle prime opere, realizzate verso la fine degli anni Ottanta, ancora legate ai dogmi della razionalità dell'arte concreta, fino a raffinarsi via via nel tempo. L'obiettivo pittorico è costantemente quello di trovare nuove ispirazioni dialettiche, seguendo un percorso di ricerca personale continuo che tende ad abbandonare gradualmente le testimonianze della pura composizione geometrica per arrivare a sostanziarsi, di fatto, in uno scenario più sintetico, maggiormente impegnato nella rappresentazione istantanea di forme di concettualità spaziale e dinamica. 
Le mostre personali vengono allestite dai primi anni Novanta: Dognazzi espone a Milano alla galleria "La Nuova Sfera", a Bologna presso la galleria "Arte Spazio", a Genova alla "San Benigno", a Verona alla "Linea 70", a Brescia alla galleria "San Paolo", a Cremona alla galleria "Il Triangolo", a Milano Marittima nei saloni dell'hotel "Mare Pineta", a Pesaro nella sede del Circolo Mobilieri, a Bellagio con la mostra "Symphonie de couleurs", a Palazzo Flangini a Venezia, alla galleria Browning di Asolo (TV), negli spazi espositivi degli Archivi della Misericordia a Venezia, alla galleria Hyper Room di Milano e a Palazzo Cusani, Milano.
Partecipa inoltre a numerose esposizioni collettive: "In Forma" a Venezia e "Res Publica" a Bellagio affiancato dai grandi maestri dell'astrattismo del novecento, conseguendo premi e riconoscimenti. A Villa Leoni di Tremezzina (Como) in occasione del centenario del Bauhaus e a Venezia a Palazzo Merati, evento collaterale alla 58a Biennale di Venezia, oltre alla partecipazione al GRANDART di Milano, all'interno dello stand della galleria VS ARTE. Alcune opere si trovano in permanenza presso prestigiose gallerie, quali lo "Studio F22" di Palazzolo sull'Oglio (BS) e la galleria VS ARTE di Milano.
I cataloghi editi in precedenza sono: "La Forma del Colore", "La Dialettica Ragionata" e "Poetiche Armonie". Attualmente Tommaso Dognazzi vive e lavora a Venezia. 






Diffuso da ltc - lorenzo tiezzi comunicazione per Francesca Lovatelli Caetani

mercoledì, febbraio 19, 2020

Episodio 12 La conoscenza perduta dei Sumeri

martedì, febbraio 18, 2020

Eni, la storia professionale di Roberto Casula

Roberto Casula, classe 1962, è un professionista nel settore energetico: gli studi in Ingegneria Mineraria e le esperienze accumulate all'estero lo hanno portato a ricoprire via via incarichi sempre più importanti all'interno del settore.
Roberto Casula

Dagli studi in Ingegneria Mineraria agli incarichi in Eni: i primi passi della carriera di Roberto Casula

Nato a Cagliari, Roberto Casula consegue la laurea in Ingegneria Mineraria nel 1988 presso l'Università della sua città natale, diventando subito dopo ingegnere professionista. La sua carriera inizia in Agip S.p.A., dove fino al 1991 ricopre il ruolo di Reservoir Engineer: in quegli anni si occupa di prove di produzione e acquisizione dati sui pozzi, oltre allo studio del comportamento dinamico dei giacimenti di idrocarburi, acquisendo solide competenze nel settore. L'anno successivo segna l'inizio della sua esperienza all'estero: entra a far parte della consociata Agip Angola Ltd, con sede a Luanda, come Reservoir Engineer, Petroleum Engineer e Chief Development Engineer. Nel 1997 rientra in Italia senza tuttavia abbandonare il focus sui mercati esteri: diviene infatti Development and Production Coordinator di Eni, occupandosi di attività operative e di business legate ai Paesi dell'Africa Occidentale e Centro-Asiatica.

Da Teheran a Tripoli: Roberto Casula consolida le sue esperienze

Dopo aver assunto nel 2000 l'incarico di Responsabile dei Servizi Tecnici di progetto per le attività in Iran, l'anno seguente si trasferisce a Teheran dove ricopre il ruolo di Dirigente e Project Director del progetto Giant South Pars Gas fasi 4-5. Il percorso in Eni di Roberto Casula è ormai consolidato: nel 2004 assume la carica di Managing Director di Eni Mediterranea Idrocarburi S.p.A. a Gela, svolgendo attività di esplorazione e produzione sul territorio siciliano. Nel 2005 è di nuovo all'estero in qualità di Managing Director di Eni Nord Africa BV, a Tripoli (Libia): l'esperienza maturata lo porta nel 2007 prima alla nomina di Senior Vice President della Regione Sub-Sahariana e successivamente Presidente delle 3 consociate Eni Abuja (Nigeria). Dopo aver sviluppato per anni competenze sui territori dei Paesi africani e del Medioriente, nel luglio 2014 la sua esperienza si concretizza con l'incarico di Chief Development Operations & Technology Officer di Eni.