sabato, dicembre 15, 2018

Anche Marco Delvecchio tra i personaggi presenti al Mercatino di beneficenza di Michelle Carpente

Si è tenuto il 14 dicembre alle ore 18.30 presso la Boutique floreale di Flavia Bruni nel cuore della Balduina il Mercatino vintage organizzato ed ideato dall'attrice e conduttrice Michelle Carpente.

L'evento, il cui ricavato è andato ad ActionAid, ha coinvolto numerosi personaggi del mondo dello spettacolo che hanno contribuito alla serata con il loro svuota armadio. Tra i presenti alla serata: Marco Delvecchio, Samanta Piccinetti, Michelangelo Tommaso, Francesca Romana De Martini, Anita Zagaria, Micaela Foti, Marilù De Nicola, Ornella Giusto.

In un ambiente magico e natalizio, circondati dalle meravigliose composizioni floreali della Floral Designer Flavia Bruni, il pubblico ha potuto trovare numerosi ed interessanti capi d'abbigliamento, accessori, borse, scarpe, makeup, bigiotteria e giocattoli.

"L'idea mi è venuta semplicemente facendo un cambio di stagione...! – scherza Michelle Carpente - Come sempre nell'armadio abbiamo quegli indumenti a volte ancora con il cartellino o comunque mai messi che ci promettiamo d'indossare alla prossima occasione e poi puntualmente questo non accade mai! Ho così deciso, di raccogliere tutte le mie cose  mai messe,  coinvolgere alcuni colleghi con le donazioni di indumenti ed oggettistica e pensare di fare qualcosa di buono. Più che altro, ho pensato che toglievo a tutti la bega di dover pensare come e a chi dare la roba passando personalmente a ritirare tutto. È stato faticoso ma spero ne sia valsa la pena!"

Durante la serata, inoltre, si è tenuta una lotteria che ha coinvolto gli ospiti presenti ricevendo in regalo trattamenti di bellezza, vini e tante altre cose.

Si ringraziano ActionAid, Flavia Bruni Floral Designer, Adma istituto di bellezza, Moma Pizza Eat it, Caffetteria Girasole "Bar Clod", Enoteca Belsito, Miki, Framberry, Bar Cubino, Valentina Ricci Cakes.

Le cuffie compatibili per smartphone elette tra i prodotti indispensabili dai consumatori

Il 2018 si chiude con il costante aumento di interesse dei consumatori per gli accessori compatibili per smartphone. Le caratteristiche più apprezzate? Competitività di prezzo, qualità e fiducia nell'azienda produttrice. Ed è proprio da queste considerazioni e dall'ascolto attivo dei clienti che nasce la linea di accessori per il telefono "Smart Solution" di iRiparo.

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un'impennata del mercato degli accessori compatibili per smartphone. 
Infatti, ormai ne esistono in commercio modelli diversi, per una varietà di utilizzi pressoché infinita. 

Basti pensare che Gartner, società di consulenza strategica americana, aveva condotto un'analisi di previsione delle vendite di accessori per il 2017 decretandone un aumento significativo. L'analisi predittiva ipotizzava, infatti, un aumento del 16,7% nella vendita di accessori compatibili con lo smartphone, per una cifra di affari che si sarebbe aggirata intorno ai 310,4 milioni. Ma il dato più significativo risultava essere che solo il 48% della cifra sarebbe stata totalizzata dalla vendita di un accessorio basic: ovvero le cuffie compatibili per smartphone.

Le previsioni di Gartner sono state poi confermate e integrate con l'analisi dell'andamento del 2018 durante lo IFA, la fiera internazionale di Berlino dedicata all'elettronica di consumo. Il trend del mercato dei telefoni vede l'interesse dei consumatori rivolgersi verso accessori basilari che, più che abbellire, completano o sono funzionali per l'utilizzo dello smartphone. È emerso, infatti, che l'attenzione del cliente è sempre più incentrata su accessori basic, come le cuffie compatibili per smartphone. La richiesta è chiara e precisa. Le cuffie, i cavi e i più importanti accessori compatibili per lo smartphone devono essere: utili, competitivi a livello di prezzo e qualitativamente performanti. La differenza la fa il marchio, quindi la fiducia che il consumatore ripone nel brand produttore. 
Se in commercio esistono una quantità infinita di accessori compatibili con lo smartphone, spesso anche stravaganti o dall'utilizzo impensabile, ce ne sono alcuni che il consumatore considera fondamentali per completare e potenziare l'utilizzo del proprio telefono.

L'analisi dei trend del mercato, unita all'ascolto attivo del cliente, ha spinto l'azienda leader nella riparazione cellulari a lanciare la linea di accessori compatibili per la telefonia "Smart Solution" a marchio iRiparo, scegliendo, appunto, tra quelli più acquistati e utilizzati dai consumatori.
Posizionati in un apposito espositore in cui sono riepilogate le caratteristiche fondamentali di ciascun accessorio, la linea "Smart Solution" iRiparo è pensata per accontentare le esigenze fondamentali dei clienti. Infatti, lo studio condotto sui consumatori che si sono recati negli oltre 100 punti vendita in Italia ha permesso all'azienda di delinearne appieno le necessità. Così, è nata la linea di prodotti che comprende ogni tipo di cavo dati (cavo micro usb, cavo type c, cavo apple), powerbank, supporto per auto, cuffie compatibili per smartphone con microfono e ogni tipo di caricatore da muro, da auto con filo o wireless.

Non sempre l'essenziale è invisibile agli occhi, soprattutto se si parla di smartphone: la parola d'ordine ricercata dal consumatore è concretezza. E anni di esperienza nel campo della telefonia ha permesso a iRiparo di offrire ai propri clienti degli accessori compatibili per lo smartphone studiati sulle loro esigenze e necessità: infatti, i prodotti Smart Solution iRiparo hanno un prezzo competitivo sul mercato pur presentando standard qualitativi alti, garantiti dalla serietà del brand iRiparo, e fanno parte di quella serie di accessori senza la quale l'esperienza di utilizzo del telefono non può essere considerata soddisfacente.

Una parte dei consumatori pensa ad abbellire il proprio telefono con accessori alla moda, ma la grande maggioranza delle persone cerca accessori compatibili per lo smartphone funzionali e indispensabili nella vita di tutti i giorni. 


Mail priva di virus. www.avast.com

venerdì, dicembre 14, 2018

Anelym : Come La Prima Volta, il secondo singolo prodotto da Danilo Seclì e la sua Push Beat Records

Anelym : Come La Prima Volta, il secondo singolo prodotto da Danilo Seclì e la sua Push Beat Records

"Come La Prima Volta" è il secondo singolo di Anelym, talentuosa e giovane cantante salentina prodotta da Danilo Seclì. Come il precedente, esce sulla sua Push Beat Records. Il testo del brano mescola italiano ed inglese e porta chi ascolta a rivivere brividi ed emozioni che solo l'amore può dare. "Come La Prima Volta" è un viaggio tra elettronica e pura passione e grazie ad un riff di chitarra che si sovrappone a synth elettronici, non perdersi tra ritmo, melodia e malinconia è davvero difficile.

"Come La Prima Volta", proprio come "Take Me", il singolo d'esordio di Anelym, racconta una storia d'amore tormentata, perché l'amore quand'è troppo semplice forse non lascia traccia, almeno nelle canzoni. E Anelym, che ha appena 19 anni, chissà come e chissà perché, certe emozioni sa raccontarle nei testi e poi cantare come pochi. Giovanissima, già alle spalle già diverse esperienze sul palco con Salento Calls Italy ed in altre situazioni. Grazie alla produzione di Danilo Seclì il suo talento sta sbocciando pian piano. La voce di Anelym, che ama Rihanna, Beyoncé, il ragamuffin, Amy Winehouse (...) è già decisamente originale.

Anelym [Prod. by Danilo Secli'] - Come La Prima Volta (Official Video)



/// from ltc lorenzo tiezzi comunicazione /// lorenzotiezzi.it: his res photos & infos /// please check alladiscoteca.com our clubbing blog /// +393393433962 ufficiostampa@lorenzotiezzi.it /// no spam: basta comunicati? rispondici UNSUBSCRIBE (decreto legislativo n. 196/2003) - (GDPR – Regolamento UE 2016/679) ///



Statistiche E-commerce 2019: aumento delle vendite del + 15%

In Italia, le previsioni per gli e-commerce nel 2019 vedranno un aumento delle vendite del + 15%, ma anche molti siti di vendita online in crisi per mancanza d'identità, valori e strategie. La parola d'ordine è prendere esempio dalle strategie di marketing degli e-commerce di Francia, Germania e Regno Unito.

Prendi un'azienda con clienti E-Commerce in Italia che fatturano da 100 mila a 12 milioni online e che vendono nel mondo. Analizza i trend delle vendite online di tutti i clienti. Verifica cosa è successo ai loro siti nel 2017 e 2018 in termini di statistiche, indici di conversione e dati vari presi non solo dalle analytics ma anche dai loro ERP o gestionali e prevedi le tendenze! Cosa ci diranno le statistiche e-commerce del 2019?

Questi gli obiettivi che ci siamo dati visto che siamo a fine novembre, il black friday è già passato e stiamo volando all'ultimo grande evento delle vendite on e offline: il Natale. Tempo di analisi dati, tempo di analisi predittive, vale a dire: tempo di previsioni di vendita degli e-commerce nel 2019. Cosa succederà?

Il Made in Italy è un brand potente. Peccato che gli imprenditori continuano a guardare il mondo dallo specchietto retrovisore perché secondo i dati di Casaleggio, tanto per citarne uno o di Roberto (Liscia) del Netcomm gli spazi sul web ci sono e sono straordinari. Le crescite ogni anno a due cifre. Negli USA il valore delle vendite online ha superato il valore delle vendite offline e Amazon USA ha superato il 50% delle vendite online complessive.
Prima di parlare di statistiche e-commerce nel 2019, analizziamo i dati dell'anno in corso.

COSA È SUCCESSO NEL 2018?

Intanto quest'anno in occasione di fiere ed business match ho incontrato i responsabili marketing di molti brand famosi. Mentre io parlavo d'Intelligenza Artificiale, di Digibot, di software che fanno i personal shopper, a casa italia ci chiediamo ancora se sia il caso d'investire, gli imprenditori chiedono un ROI entro il primo anno e complessivamente abbiamo completamente perso di vista gli obiettivi.

Nel frattempo il primo quarter di Adidas e gli acquisti di moda italiana sono saliti del 28%, con un 65% dovuto all'export. Sto parlando di Moda un settore nel quale un tempo non ci credeva nessuno tranne pochi illuminati. Guardando i valori in Borsa e confrontando i ricavi attesi la classifica dei big è: Asos, Zalando Ynap (Yoox Net a Porter), Showroomprive.

Nel beauty l'incidenza degli acquisti via app è raddoppiata in un anno: siamo al  24%. Ma ci sono ancora brand (anche fra i nostri clienti) che non credono nelle app ma, sempre a dimostrare che in Italia siamo strani, noi abbiamo un ottimo case history di un cliente la cui app, in un anno, è stata scaricata da 60.000 utenti. Lo shopping online della cosmetica è cresciuto di oltre il 25%. Sono 4,7 milioni gli utenti stimati, che saliranno al 17,2% entro fine anno. Gli uomini sono responsabili del 50,5% degli acquisti dei 323 milioni di euro spesi online.
Solo due anni fa invece oltre il 65% degli acquisti era effettuato da un pubblico donna.
In questo settore si è capito che la parole d'ordine (o la frase chiave) è: integrazione fra offline e online. Strano!

Nell'arredamento le vendite online sono pari a 900 milioni di euro secondo le ultime stime rilasciate dal Politecnico+Netcomm. Tasso di penetrazione del 5% ed è cresciuto del 31%. Certo 900 milioni sono pochi rispetto ai 4 miliardi dell'informatica/elettronica, o ai 2,5 miliardi di euro dell'abbigliamento.

Turismo: l'Italia è la nazione più cercata nel web ma la quinta destinazione dopo Francia, Usa, Spagna e Cina. L'88% dei turisti italiani cerca informazioni pre viaggio. L'82% prenota o acquista online. 55,3 miliardi di euro sono il totale di transato di cui il 20% è completamente digitale.

Infine Groocery, ristorazione ed enogastronomia che sono ancora il nostro fanalino di coda rispetto agli stranieri hanno registrato un +37%. Il mercato valeva 812 milioni di euro. Si può sicuramente fare meglio anche se l'Italia è un po' terra di conquista per il food delivery. Foodora, Glovo, Just Eat, Deliveroo, Uber Eats al momento la fanno da padrona.

DATI E-COMMERCE ITALIA 2019: LE MIE PREVISIONI

Ovviamente i dati Ecommerce del 2019 non li abbiamo. Io mi aspetto almeno un +15%. Ti spiego il perché!
In Italia conosciamo le parole chiave che decreteranno le vendite del prossimo anno. Nel fashion: personalizzazione e click & collect. Nel food: delivery, logistica, click & collect. Nell'arredamento: consegna e assortimento. Nel beauty: personalizzazione e fragranze. Nel turismo: intelligenza artificiale, vacanze esperienziali, motori di comparazione, all inclusive.

Poi si parla di Geoblocking, l'armonizzazione dell'Iva, il dynnamic pricing, quello adottato dalle compagnie aeree low cost. Mi aspetto ad esempio che i tedeschi o gli olandesi comprino dai siti italiani dove costa meno. Mi aspetto che i prezzi dinamici e l'analisi dei prezzi della concorrenza tramite algoritmi e automatismi possano avere un forte impatto sulle vendite. Più persone comprano e si abituano e più compreranno.

Parliamo di dati ee-commerce 2019 in Italia e di vendite. Ho analizzato le statistiche di numerose aziende anche quest'anno. Faccio degli esempi: strumenti come Google Flights e Skyscanner per le compagnie aeree hanno indici di conversioni superiori al 10/15% Negli oligopoli come i parcheggi aeroportuali i tassi di conversione sono impressionanti rispetto all'elettronica di consumo o alla vendita dei libri. In alcuni casi superiori al 25%.

Certo se tutti vendiamo le stesse cose, con gli stessi tempi di consegna, alle stesse condizioni, con gli stessi gateway di pagamento allora il valore aggiunto sarà sempre il prezzo. In Italia pochi conoscono il marketing. Ieri in treno un mio vicino di posto spiegava ad un militare (il motivo non lo so) le basi del marketing. Io stavo progettando un nuovo sito. Mi sono fermato ad ascoltare la lezione gratuita. Questo consulente (con tanta tanta esperienza) diceva e pensava le stesse cose che pensa un qualsiasi consulente marketing: non ci sono vendite se non hai un piano strategico. Inutile piangere sui dati, il web marketing non esiste se prima non hai pensato al marketing.

VUOI AUMENTARE I TASSI DI CONVERSIONE?

La user Experience ti dice qualcosa? I testi che descrivono i prodotti? I commenti dei clienti hanno provato il prodotto e offrono gratuitamente i consigli per gli acquisti? Hai mai visto cosa fa Amazon? Hai mai usato Booking? Mentre tu stai guardando la tua camera d'Hotel contemporaneamente un tizio sta guardando proprio ciò che stai guardando tu e qualche minuto fa qualcuno ha appena confermato per la stessa località. Robert Cialdini ti dice nulla? Non ti viene l'ansia? Ma nel tuo sito caro produttore l'ansia non viene perché è un miracolo quando fai 50 pacchi al giorno. Perché?

Faccio formazione per Assoform, per numerose Camere di Commercio Italiane, entro in decine di aziende ogni anno. Quando parlo di programmazione mentale le persone non sanno di cosa parlo. Se spiego l'analisi predittiva mi guardano come se fossi un marziano, quando racconto l'esperienza di quel piccolo negozio della provincia che vende online 12 milioni di €uro all'anno strabuzzano gli occhi.

Le mie previsioni per il 2019 sono facili: + 15% di vendita, molti siti e-commerce in crisi per mancanza d'identità, valori e strategie. La leva non può essere solo il prezzo. Siamo arretrati, il modello dell'e-commerce è sbagliato in Italia. Guardiamo al Regno Unito, alla Francia, alla Germania. Se vogliamo esportare dobbiamo prima imparare ed essere forti in Italia. Poi esporteremo il Made In Italy e moltiplicheremo le vendite. Il Commercio elettronico inglese è pari all'8% de PIL. In Cina è il 5,8%. In Spagna 2,7. Siamo come India e Turchia: in Italia il dato dell'ecommerce rispetto al PIL è solo dell'1,6%. Non possiamo far altro che crescere.

Fonte: marketinginformatico.it


Mail priva di virus. www.avast.com

giovedì, dicembre 13, 2018

Achi presenta il giallo Operazione P.I.C. Un mistero nelle isole partenopee


Il Taccuino Ufficio Stampa
Presenta


Operazione P.I.C. Un mistero nelle isole partenopee di Achi

Operazione P.I.C. Un mistero nelle isole partenopee è un giallo avvincente che ha il pregio di mostrare il lato più “cerebrale” delle indagini, attraverso le riflessioni e le risoluzioni della brillante psicologa Rossella Spargo e del tenace socio-antropologo Arcos Mele, detective inconsueti e dai metodi originali ma estremamente efficaci. I due protagonisti riusciranno, attraverso grande intelligenza e intuito, e un’alchimia più forte di qualunque avversità, ad agire nell’ombra e ad aiutare le forze dell’ordine nel delicato compito di smascherare una complessa organizzazione settaria, radicata fin nelle più alte sfere del potere e dell’informazione.


Titolo: Operazione P.I.C. Autore: Achi
Genere: Giallo
Casa Editrice: & MyBook
Pagine: 200
Codice ISBN: 978886560556


«[…] Trascorse l’intera giornata ascoltando notiziari radiofonici, guardando telegiornali di ogni rete televisiva possibile, compresi quelli di divulgazione online. La quantità, ma soprattutto la qualità delle informazioni e dei dettagli in suo possesso non aumentò. Al contrario fu resa ancor più caotica e fuorviante dai mezzi busti, coadiuvati da esperti d’ogni genere, comodamente seduti su poltroncine o bordi di scrivanie, più attenti ad autoglorificarsi e stupire, piuttosto che informare».

Operazione P.I.C. Un mistero nelle isole partenopee è un romanzo giallo scritto con intelligenza e cognizione di causa. L’autore, Achi, conduce il lettore in una serie di intrighi e macchinazioni rivelando una profonda conoscenza della materia trattata: dalle procedure di indagine, ai sistemi giuridici, fino ai meccanismi psicologici utilizzati dalle organizzazioni settarie per controllare i propri adepti. I protagonisti Rossella Spargo e Arcos Mele si trovano immersi fino al collo in una vicenda pericolosa e ingarbugliata, occultata da numerosi strati di corruzione e connivenza. Senza mai arrendersi, e grazie al loro forte legame, anche se ancora in via di definizione, si improvviseranno detective pur non avendone i permessi, conducendo le indagini per una serie di omicidi misteriosi e inquietanti. Achi accompagna i due protagonisti in un mondo di apparenze e inganni, denunciando poteri corrotti, una giustizia spesso inefficiente e un sistema di informazione pilotato e interessato all’autocelebrazione piuttosto che alla diffusione della verità. Nella cornice delle isole partenopee di Procida, Ischia e Capri, e con la fascinazione di simboli esoterici e religiosi, il romanzo procede con ritmo serrato e con uno stile originale e colto, portando alla luce una realtà celata allo sguardo degli onesti cittadini, inconsapevoli di essere parte di un meccanismo malato. E in Operazione P.I.C. Un mistero nelle isole partenopee la corruzione della società italiana trova una metafora nell’organizzazione a piramide rovesciata della setta de I figli di Skotos, che “possiede una base composta da una ridotta oligarchia, simile alla punta di una piramide, sulla quale si erge e sorregge l’intera organizzazione”. In quest’ottica Achi non solo costruisce una storia avvincente e intelligente che intrattiene e mantiene la tensione dalla prima all’ultima pagina, ma propone anche una riflessione sentita sulla società odierna, sui suoi vertici del potere, sullo sciacallaggio dei mezzi di comunicazione e sulla loro sudditanza a questi pochi, influenti eletti, che reggono malamente le sorti di una piramide posta in un equilibrio sempre più precario.

TRAMA: In una calda e limpida estate nel Golfo di Napoli, la vita delle isole di Procida, Ischia e Capri è macchiata dall’assassinio di tre preti. Trovare il vero colpevole sembra un’impresa impossibile per una giustizia italiana troppo spesso preda della corruzione e condizionata dalla macchina dell’informazione, intenta a creare scoop piuttosto che rincorrere la verità. Due ricercatori, la psicologa Rossella Spargo e il socio-antropologo Arcos Mele, si ritrovano a indagare sull’accaduto. In questa loro ricerca della verità, ricca di suspense, azione e indizi, riusciranno a portare alla luce una realtà sconvolgente, svelando, grazie alle loro deduzioni e alla profonda intesa che li lega, cosa si nasconde dietro quegli omicidi. Le rivelazioni però non finiscono qui, perché questo romanzo ci aiuta a indagare anche i sentimenti, mostrando la difficoltà di amare superando le convenzioni sociali e il coraggio necessario per seguire il proprio cuore.

L’ AUTORE È DISPONIBILE A RILASCIARE INTERVISTE




BIOGRAFIA: Achi nasce a Napoli nel 1971. Quello di Operazione P.I.C – Un Mistero nelle isole Partenopee non è un esordio: i trascorsi letterari di questo scrittore risalgono a molti anni fa. L’autore è un personaggio dal carattere e dalle idee singolari, difficili da ridurre al “così si fa perché così si deve fare”. Questo si rispecchia nel suo stile di scrittura, ritenuto ben oltre sopra le righe, ma anche nella caratterizzazione dei personaggi e nelle vicende attraverso le quali si dispiega la narrazione dei suoi scritti. Resta convinto che le notizie da pettegolezzo biografico nulla possano aggiungere o togliere alla qualità di un’opera. Sostiene, per esempio, che a nessuno interessi il fatto che sia stato l’ultimo allievo di Zietta Liù, che oggi nessuno conosce, ma grande scrittrice e giornalista italiana. Per lui è stata una straordinaria guida nel teatro. Per Achi ciò che conta davvero è l’interesse reale di una porzione di pubblico verso il suo particolare stile - definito da qualcuno “di un’altra epoca” - e il suo indecifrabile modo di essere. Per quanto riguarda il suo ultimo libro Operazione P.I.C. - Un mistero nelle isole Partenopee (& MyBook, 2018), Achi deve la pubblicazione alla lungimiranza di una persona, Il signor M.P. che, dopo aver seguito le sue travagliate vicende letterarie, ha pensato che meritasse almeno una reale e ultima possibilità. Con & MyBook ha pubblicato anche due racconti scaricabili gratuitamente: Scarlett e La forza di Essere. Achi sostiene che chi è veramente interessato a qualcuno o a qualcosa lo possa dimostrare solo attraverso i fatti; non a caso, questo suo tentativo di interessare i lettori ha come tema principale il mistero, a partire dalla sua identità e dal suo aspetto; ha infatti appositamente disseminato una serie di indizi e testi online per permettere a chiunque di risalire ai suoi trascorsi, che coinvolgono anche nomi altisonanti del mondo televisivo italiano. Per restare in linea con questa idea è stata realizzata anche una sorta di “indagine online”, alla quale può partecipare chiunque in modo assolutamente gratuito. Attraverso una serie di enigmi, indizi e depistaggi, chi decide di partecipare dovrà cercare qualcuno che è scomparso, per poterlo liberare. L’indagine condurrà a un premio per l’investigatore.


Contatti



Link di vendita




IL TACCUINO UFFICIO STAMPA
Via Silvagni 29 – 401387 Bologna
Phone:+393396038451

Touch Down Ibiza fa ballare Milano, Sassari, Cagliari, Como (...)

Touch Down Ibiza fa ballare  Milano, Sassari, Cagliari, Como (...)

E' una settimana tutta da ballare per la crew di Touch Down Ibiza, quella che inizia giovedì 13 e finisce sabato 15 dicembre 2018. Gli artisti del party fanno infatti ballare Milano, Sassari, Cagliari e pure Como.

Dopo aver fatto scatenare Ibiza nel corso dell'estate 2017, Touch Down continua quindi a far muovere a tempo tutta l'Italia. Touch Down Ibiza infatti propone le sonorità che più fanno scatenare il pianeta in questo momento: sono ritmi decisamente urban che si mescolano a sonorità americane e britanniche.

Touch Down è nato ad ibiza a Maggio 2017. Ha scatenare l'isola della musica in templi come Eden, Ibiza Rocks e Ocean Beach Ibiza. Resident nei Party ibiza e' stato Fat man Scoop e tutta la Crew di Dj UK e Italiana che da settembre segue anche il tour europeo del format. Il party è stato creato da Level Up Milano con Ale Zuber, il creatore di I am a RichBitch, il celeberrimo Reggaeton Hip Hop che fa scatenare l'immenso Privilege di Ibiza.

In particolare, venerdì 14 dicembre al Set Disco di Sassari e sabato 15 al Biggest di Cagliari tra gli artisti Touch Down c'è Aniram (nella foto). Sexy e bravissima in console, è da tempo protagonista musicale tra Italia e Ibiza e pure negli USA, visto che qualche mese fa è stata protagonista di tanti dj set a Detroit. All'anagrafe fa Marina Dainotto, ed è nata a Milano il 21 ottobre 1996. Sin dall'infanzia esprime il suo amore per la musica attraverso la danza. Testimonial per diversi brand, frequentando le disco della sua città rimane affascinata dalla figura del DJ e scopre così la sua vera passione. Da quel momento inizia a frequentare corsi formativi per dj produttori, affidandosi ad un team esperto nel settore con il quale intraprende un'interessante crescita professionale. I suoi dj set sono molto energetici e alternano drops con un sound molto tribale, conosciuto anche come "jungle terror", a parti più melodiche e cantate.

Touch Down Ibiza

Giovedì 13/12 Vibe Room Milano: guest Dj Ms
Venerdì 14/12 Set Disco Sassari:  guest Don Cash (voice) e Aniram (dj)
Sabato 15/12 Libe Winter Club - Como: Special guest star: Gemitaiz 
Sabato 15/12 Biggest - Cagliari: guest Don Cash (voice) e Aniram (dj)




/// from ltc lorenzo tiezzi comunicazione /// lorenzotiezzi.it: his res photos & infos /// please check alladiscoteca.com our clubbing blog /// +393393433962 ufficiostampa@lorenzotiezzi.it /// no spam: basta comunicati? rispondici UNSUBSCRIBE (decreto legislativo n. 196/2003) - (GDPR – Regolamento UE 2016/679) ///



Comunicato Stampa AiFOS: analizzare gli infortuni con le mappe mentali

Comunicato Stampa

Come analizzare gli infortuni attraverso le mappe mentali

 

Un corso a Brescia il 29 gennaio 2019 per analizzare i casi di infortunio attraverso l'utilizzo delle mappe mentali con l'obiettivo di evidenziare connessioni e migliorare la prevenzione.

 

La prevenzione degli incidenti e infortuni professionali è molto difficile laddove sia carente un'adeguata comprensione delle cause che li hanno determinati. Ed è proprio per questo motivo che l'analisi degli infortuni che avvengono nei luoghi di lavoro, è un elemento molto importante in ogni politica di tutela della salute e sicurezza dei lavoratori.

 

E nell'analisi è importante utilizzare strumenti in grado di evidenziare tutte le connessioni, tutte le carenze e gli errori che hanno dato origine agli incidenti con particolare riferimento anche alle conseguenze penali in caso di infortunio e alle responsabilità dei soggetti aziendali.

 

Come affrontare l'analisi degli infortuni con idonei strumenti in grado di creare connessioni tra elementi o argomenti che altrimenti apparirebbero distanti?

 

Il corso per l'analisi dei casi di infortunio con le mappe mentali

Proprio per fornire agli operatori e alle aziende idonee competenze e strumenti per l'analisi degli infortuni, l'Associazione Italiana Formatori ed Operatori della Sicurezza sul Lavoro (AiFOS) organizza per il 29 gennaio 2019 a Brescia un corso di 8 ore dal titolo "Analisi dei casi reali di infortunio attraverso le mappe mentali".

 

In particolare il corso si pone l'obiettivo di analizzare casi di infortunio realmente accaduti in azienda e l'iter giudiziario che ha condotto alla sentenza della Corte di Cassazione, dando particolare attenzione all'esame della dinamica, delle modalità di accadimento e delle conseguenze.

 

Partendo da tale analisi, i partecipanti costruiranno una mappa mentale - utile strumento che permette di creare una schematizzazione dei processi progettuali - relativa agli obblighi e ai compiti di coloro che operano all'interno del servizio di prevenzione e protezione: datore di lavoro, dirigente, preposto, RSPP/ASPP, lavoratori.

 

Lo strumento delle mappe mentali

Innovazione e creatività sono gli elementi che caratterizzeranno il corso organizzato dall'Associazione AiFOS. E, in questo senso, le mappe mentali risultano essere uno straordinario strumento che, attraverso la rappresentazione grafica del nostro pensiero e la strutturazione dei contenuti in modo gerarchico e associativo, stimolano la memoria, l'apprendimento e l'analisi delle connessioni.

 

Le "mappe mentali" sono dunque molto utili nella comunicazione del pensiero in quanto si esplicitano graficamente i legami concettuali e si facilita la creazione di associazioni mentali.

 

Attraverso lo strumento delle mappe mentali i partecipanti al corso saranno in grado di riepilogare, sintetizzare, evidenziare ma soprattutto creare nuove connessioni tra elementi o argomenti che altrimenti apparirebbero distanti. Inoltre potranno comprendere in maniera rapida ed efficace i concetti trattati in aula e avranno a disposizione uno schema di immediata memorizzazione visiva. 

 

Le informazioni e il programma del corso di Brescia

Per fornire idonee competenze nell'utilizzo delle mappe mentali per l'analisi degli infortuni, si terrà dunque il corso, di 8 ore in presenza, "Analisi dei casi reali di infortunio attraverso le mappe mentali" che avrà luogo il 29 gennaio 2019 a Brescia dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00 presso AiFOS Service in via Branze 45, c/o CSMT, Università degli studi di Brescia.

 

Questi gli argomenti affrontati durante la giornata formativa:

  • L'organigramma aziendale in ambito sicurezza nei luoghi di lavoro;
  • Le conseguenze penali in caso di infortunio: l'analisi degli articoli 589 e 590 del Codice Penale;
  • Casi reali: le responsabilità dei soggetti aziendali (datore di lavoro, dirigente, RSPP, preposto, lavoratore, medico competente) attraverso l'analisi delle sentenze della Corte di Cassazione;
  • Gli obblighi dei soggetti aziendali alla luce delle sentenze analizzate;
  • Esercitazioni e simulazioni di casi pratici.

 

Il corso, che avrà come docente la Dott.essa Giovanna Rosa (avvocato specializzato in sicurezza sul lavoro, ambiente e qualità), è valido come aggiornamento relativo a 6 ore per RSPP e ASPP, 6 ore per Coordinatori alla Sicurezza e 6 ore per formatori prima area tematica.

 

Per avere informazioni e iscriversi al corso è possibile utilizzare questo link: http://aifos.org/home/formazione/corsi-qualificati/normativa/normativa/analisi_dei_casi_reali_di_infortunio_attraverso_le_mappe_mentali

 

Segnaliamo che le spese di partecipazione a convegni, congressi e simili o a corsi di aggiornamento professionale, nonché le spese di viaggio e soggiorno, sono integralmente deducibili - entro il limite annuo di 10.000 euro - come previsto dall'articolo 9 della Legge 22 maggio 2017, n° 81 (cosiddetto "Jobs Act dei lavoratori autonomi").

 

Per informazioni:

Sede nazionale AiFOS: via Branze, 45 - 25123 Brescia c/o CSMT, Università degli Studi di Brescia - tel.030.6595031 - fax 030.6595040 www.aifos.it - formarsi@aifos.it

 

13 dicembre 2018

 

Ufficio Stampa di AiFOS

ufficiostampa@aifos.it

http://www.aifos.it/

 

Se non vedi la newsletter, clicca qui

Samuele Sartini, in console tra Reggio Emilia, Milano Marittima, Milano, Modena, Foggia...

Samuele Sartini, in console tra Reggio Emilia, Milano Marittima, Milano, Modena, Foggia...

Samuele Sartini, dopo aver fatto ballare il party d'esordio della stagione 'mondana' sulle neve del Des Alpes di Madonna di Campiglio (TN) continua a far muovere a tempo molti dei più importanti club italiani. Venerdì 14 dicembre 2018 è al Sali & Tabacchi di Reggio Emilia, mentre sabato 15 si sposta al Pineta di Milano Marittima (RA). Lunedì 17 dicembre invece fa tappa all'esclusivo Armani Privé per far ballare il Xmas Party di Luxottica. Il 21 dicembre Sartini divide poi la console del KYI di Modena con Bob Sinclar mentre la sera di Natale, il 25/12, come lo scorso anno è al mixer dello Yuppies di Foggia. E a Capodanno? Sartini torna ancora a far scatenare il Pineta di Milano Marittima, per chiudere un 2018 semplicemente eccellente.


Samuele Sartini è un top dj house italiano molto attivo nei top club di tutto il mondo. Marchigiano, è nato a Chiaravalle (AN) e risiede a Monte San Vito. Nell'estate 2017 ha fatto ballare party legati al GP di Formula 1 nel Barhein, il Jimmy'z di Montecarlo e in Italia è guest in costanza al Pineta di Milano Marittima e al Just Cavalli di Milano, due dei locali di riferimento per chi cerca l'esclusività. In console ho stile preciso e una tecnica esemplare, ma più che di 'numeri' e gesti che sanno stupire, ogni suo suoi dj è pieno di musica e di melodia, ovvero si mette sempre al servizio di ha voglia di ballare. Samuele Sartini è anche un produttore conosciuto in tutto il mondo.

Ha remixato tracce di superstar come Calvin Harris, Roger Sanchez, Paul Van Dyk ed Armin Van Buuren ed ha all'attivo diverse hit all'attivo diverse hit recenti ("When The Sun Goes Down", interpretata da Jay Sebag, è stata trasmessa da emittenti come RTL 102,5 TV, Radio 105, Radio Deejay ed m2o, proprio come "Gimme the Funk", che è piaciuta anche a stelle del mixer come Todd Terry, Bob Sinclar, Oliver Heldens, Sander Van Doorn o Robbie Rivera). E non è tutto: troppi non sanno che Avicii deve un po' del suo successo proprio a Samuele Sartini. Per la versione cantata del suo primo successo (Tim Berg - "Seek Bromance"), Avicii prese la voce da "Love U Seek", un brano pubblicato da Samuele Sartini nel 2011 su Do It Yourself. Questa canzone è tornata con Rework curato dal dj marchigiano nel gennaio 2018, una nuova versione che mette ancor più in in risalto la bella voce di Amanda Wilson.

Ecco come racconta la sua vita e i suoi inizi: "Vivo nelle Marche, dove sono nato. Adoro la mia terra, anche se spesso nel fine settimana devo fare centinaia e centinaia di chilometri per raggiungere i locali in cui lavoro. Ho due figli, Maria Camilla e Filippo Maria. Sono loro i miei veri unici successi… Ho iniziato mixando vinili e ricordo perfettamente le intere giornate che passavo in mansarda per imparare questa arte. Le prime feste, fino alla grande opportunità nel 2004 quando divenni Dj resident del Miu Miu di Marotta. In quel locale ho avuto la fortuna di affiancare tanti nomi importanti della scena house. Ho davvero cercato di carpire il meglio da ognuno di loro". 

MEDIA INFO (PHOTO HI RES, BIO ETC)




/// from ltc lorenzo tiezzi comunicazione /// lorenzotiezzi.it: his res photos & infos /// please check alladiscoteca.com our clubbing blog /// +393393433962 ufficiostampa@lorenzotiezzi.it /// no spam: basta comunicati? rispondici UNSUBSCRIBE (decreto legislativo n. 196/2003) - (GDPR – Regolamento UE 2016/679) ///



mercoledì, dicembre 12, 2018

Diabolika Reunion Tour: dopo il debutto al Madam di Ferrara (25/12), la one night fa ballare il Capodanno di Titilla - Riccione (31/12)


Diabolika Reunion Tour: dopo il debutto al Madam di Ferrara (25/12), la one night fa ballare il Capodanno di  Titilla - Riccione (31/12)
 
Nata a Roma nei primi anni 2000, Diabolika non è solo una festa di grande successo che ha fatto a lungo ballare i più importanti club europei con sonorità elettroniche e show irripetibili. Questa one night è ancora oggi simbolo di divertimento colorato, di un clubbing da vivere fino all'alba sentendosi parte di un movimento collettivo. Il pubblico di Diabolika si è sempre sentito un pezzo importante della serata: niente dress code, niente regole, se non la voglia di sentirsi 'star' almeno per una notte... grazie ad un ritmo folle, coinvolgente, capace di annientare ogni differenza, azzerare la distanza tra palco e dancefloor, travolgendo timidezze e insicurezze di chi, anche in discoteca, non riesce a mostrare chi è davvero. 

Oggi, a diversi anni dalla fine repentina del Diabolika, avvenuta quando la one night era all'apice di un successo almeno europeo e non certo perché il 'fenomeno Diabolika' fosse in declino, gli artisti che l'hanno creato hanno deciso di tornare a regalare emozioni insieme nel Diabolika Reunion Tour, una serie di eventi che paradossalmente rappresenta una bella ventata di novità nello scenario del clubbing italiano. 

La prima data è prevista per la notte tra il 25 dicembre ed il 26 dicembre 2018 al Madam di Ferrara (via Padova 189, www.madamebutterfly.it), un party perfetto per bruciare un po' di calorie ballando dopo la classica giornata di festa in famiglia. E' già stato annunciato un altro party, tra l'altro in uno dei luoghi simbolo del clubbing italiano: Diabolika Reunion Tour il 31/12/18 fa ballare il Capodanno 2019 del Titilla, il privé del Cocoricò di Riccione (RN). 

Non è un caso che un mondo in eterno movimento come la nightlife celebri  oggi questa one night in "Generazione Diabolika", film che racconta l'incredibile ascesa di questa one night. Dalla residenza romana all'Energy, fino alle incredibili stagioni al Cocoricò di Riccione ed allo Space di Ibiza, allora il club più importante al mondo, fino ad eventi in Spagna, in Svizzera, in Grecia... Il film girato da Silvio Laccetti, in uscita nel 2019, sta generando interesse tra clubber di ogni età e sui media. Succede perché prima del Diabolika non si era mai visto anche in Italia un party da grandi numeri pieno di sonorità  e show d'impatto. E nulla di simile fa di sicuro ballare l'Italia oggi. 

 Il nuovo slogan del Diabolika Reunion Tour, "Mordi la mela perché si vive meglio", accenna in qualche modo al peccato, all'inibizione, al conformismo e alle cose che tutti quanti vorremmo avere il coraggio di fare, almeno di notte. E la musica è come sempre per Diabolika, di grande qualità. In console infatti si alternano infatti D Lewis ed Emix, Paolo Bolognesi e Simone LP.

"Il Diabolika Reunion Tour proporrà in veste rinnovata l'anima gentilmente ribelle della nightlife", spiega Henry Pass, voce e icona del party. "Vogliamo togliere quel sottile velo che imprigiona le persone e renderle libere - di nuovo - di esser quel che vogliono. Porteremo musica nuova insieme a quella che ha fatto la storia del Diabolika, 'rimodulata' per l'occasione". "Porteremo messaggi di fratellanza di generi, saremo un vento bianco di purezza, nel senso che spazzeremo via i nuovi tabù", continua Henry Pass. "Vogliamo che l'anima di chiunque si palesi beatamente nei nostri party".

"Vogliamo tornare a far divertire l'Italia, perché oggi una festa simile, semplicemente, non c'è", gli fa eco Simone LP. "Diabolika è un party da cui esci senza voce e con la maglia sudata. A me ha regalato autostima, soddisfazioni, energia, amore... e tutto ciò che di bello si può immaginare". 

"Diabolika è una festa che dà spazio al pubblico, lo rende parte integrante e protagonista della serata... Oggi come ieri, non vi togliamo mai gli occhi di dosso!", conclude D Lewis. "Diabolika Reunion Tour è mix di buona musica e divertimento, un party in cui passato e presente si fonderanno".

Le prime date del Diabolika Reunion Tour

25/12/18 @ Madam - Ferrara (via Padova 189)
31/12/18 @ Titilla / Cocoricò - Riccione (Via Chieti, 44) Ticket Online 45€+d.d.p. su http://bit.ly/TicketCocoricoNYE

Instagram

Facebook

///////////////

Gli artisti di Diabolika Reunion Tour

D Lewis 

Nato nel 1973, produce musica e mixa fin dai primi anni '90. Fin da allora collabora con Emix, con cui realizza nel 2007, dopo tante esperienze diverse, il suo primo album, "Officine Romane. Protagonista in console in molti dei più importanti club europei (dal BCM di Palma de Mallorca allo Space di Valencia passando il Cocoricò di Riccione), ha pubblicato la musica su label di riferimento in tutto il mondo e diviso il mixer con superstar come Deadmau5, Tiesto, Benny Benassi, Erick Morillo, Roger Sanchez e tanti altri. 

Emix

Emiliano Mosci - meglio conosciuto come Emix, nasce dj techno nel settembre del 1989, le sua carriera inizia con i Rave e gli After Hours. L'amore per la musica anni '80 e la ricerca continua di nuove sonorità saranno determinanti nel trasformarlo in breve tempo in "collezionista" di vinili rari. Dal '92 al '95 si afferma a livello nazionale con party acid/techno. E' stato dj resident di alcuni dei più importanti club italiani (Cocoricò Palladium, Hollywood, Red Zone, Arabesk, Piper, Alien, Muccassassina, Diabolika) e pure nel 2007 dello Space Ibiza. Come produttore ha realizzato decine di tracce e nel 2006 pure l'album "Officine Romane" insieme a DLewis, mentre la sua nuova label si chiama Uwaga. 

Paolo Bolognesi 

Paolo Bolognesi non ha bisogno di soprannomi e tantomeno di prefissi. Che sia un dj lo si intuisce di primo acchito, quando si ferma a parlare di belle canzoni e di groove, delle passioni musicali che gli vengono dal cuore. Le sapienti miscele di house music e le dosi ferrose di tech house sono ciò che gli regalano energia ogni giorno. Paolo nasce a Roma e dalla metà degli anni Ottanta fa parte del mondo dei club italiani ed europe, della radiofonia nazionale e della discografia con le sue produzioni ed i suoi remix. Ha iniziato la carriera in una piccola radio della Capitale per poi passare ad RDS e poi a m2o con il suo programma dedicato alla musica da club, Stardust. Stardust, che dal 2007 è anche una label, è il suo biglietto da visita. 

Simone LP

Nato nel 1981, già a vent'anni era protagonista alla console dei più noti club di Roma. Entrato subito a far parte del cast artistico del colosso "Diabolika", diventa in poco tempo uno dei dj resident del party. Ha fatto ballare molti dei più importanti locali italiani e diviso il mixer con superstar come Steve Aoki, Paul Van Dyk, Afrojack, Deadmau5, Armin Van Buuren e molti altri.

Henry Pass

Performer e voce in discoteca, speaker radiofonico nazionale, autore di programmi radio, giornalista. Henry Pass è lo spirito che dà voce e forma alle tribù danzanti, è in certi versi trasgressivo, ribelle, fuori dalle regole e dagli schemi: in una parola, libero! Nei suoi show invoca un mondo diverso, in cui gridare a tutta gola le sue convinzioni e in cui poter fare "quel che si vuole!". Diventa icona internazionale come voce dei party Diabolika che lo vedono a più riprese accanto a dj's mondiali. Prima della "reunion" è ricercatissimo nei locali d'Italia come solista. Torna al suo posto con una "verve" e "look" completamente rinnovati e - precisa - "altamente coinvolgenti".

/////////////

grafiche, immagini, media info


/// from ltc lorenzo tiezzi comunicazione /// lorenzotiezzi.it: his res photos & infos /// please check alladiscoteca.com our clubbing blog /// +393393433962 ufficiostampa@lorenzotiezzi.it /// no spam: basta comunicati? rispondici UNSUBSCRIBE (decreto legislativo n. 196/2003) - (GDPR – Regolamento UE 2016/679) ///



15/12 Cuartero & Hector Couto @ Bolgia - Bergamo


15/12 Cuartero & Hector Couto @ Bolgia - Bergamo

Sul palco del Bolgia sabato 15 dicembre 2018 tornano Cuartero & Hector Couto. E' un altro grande evento per il top club bergamasco, che dopo il dj set dell'italiano Joseph Capriati ospita due artisti simbolo dell'universo elettronico. Sono tra i più richiesti nei club e spesso sono presenti nei line up dei festival che contano in giro per il mondo. Ad esempio entrambi si esibiscono all'Amnesia di Ibiza. 

Cuartero spazia tra minimal e tech house e pubblica la sua musica su label di riferimento come Desolat, Hot Creations e Moon Harbour. Tra le sue tracce più recenti c'è "Attention", appena uscita su Desolat Music Group ed inclusa da Loco Dice in "Seran Benedicios", una compilation di 11 brani perfetta per capire qual è il sound che fa ballare i top club elettronici del pianeta. 

Hector Couto invece mescola old school house e Chicago techno e tra le altre collabora con label come Roush, la già citata Hot Creations e Get Physical. La sua "That Thing", appena uscita è un viaggio nel ritmo che mette energia, anzi dà scampo e cita pure James Brown, un personaggio unico per tutti coloro che fanno ballare il mondo.

Alla voce, sul palco del Bolgia di Bergamo sabato 15 dicembre c'è anche Manuel Shock, da sempre voce e icona del Bolgia. L'evento è organizzato in collaborazione con Momento Lab.

Prevendite OnLine

Evento Facebook con tutti i dettagli (prezzi, orari, etc)

Bolgia
info 3383624803 (Bolgia),  3489147076 (Momento Lab)
Via Vaccarezza 8 Osio Sopra (Bergamo)
A4 Milano Venezia uscita Dalmine (venti minuti circa da Milano)
In treno: Stazione Verdello - Dalmine (disponibile navetta per il Bolgia)


/// from ltc lorenzo tiezzi comunicazione /// lorenzotiezzi.it: his res photos & infos /// please check alladiscoteca.com our clubbing blog /// +393393433962 ufficiostampa@lorenzotiezzi.it /// no spam: basta comunicati? rispondici UNSUBSCRIBE (decreto legislativo n. 196/2003) - (GDPR – Regolamento UE 2016/679) ///