giovedì, giugno 01, 2017

Climatoterapia e Disturbi delle articolazioni.

Con l’avvicinarsi del mese di agosto gli italiani iniziano già a programmare le loro vacanze. Mare, lago, montagna non è importate dove basta partire per staccare dalla routine lavorativa di tutti i giorni. le ferie estive sono un ottimo rimedio per eliminare lo stress lavorativo, ma allo stesso tempo sono una cura per la salute.
Chi progetta le vacanze e non vuole tralasciare la salute deve effettuare delle scelte appropriate, poiché non tutte e mete sono adatte a chi soffre di disturbi dellearticolazioni.
Se si soffre di malattie croniche prima di scegliere la meta dove passare le tanto sospirate ferie e opportuno parlare con il proprio medico, poiché non tutte le destinazioni sono adatte a chi è tormentato da disturbi articolari. Sembra una stupidaggine ma in realtà non è così, esistono una serie di studi e ricerche che hanno dimostrato la validità climatoterapia.
Climatoterapia:
È risaputo che il clima ha un effetto positivo o negativo sul nostro corpo, ad esempio pioggia, freddo umidità, tutte le manifestazioni climatiche invernali hanno un effetto negativo sul nostro organismo provocando raffreddori, influenze etc. lo scopo della climatoterapia è proprio questo, studiare questi disturbi legati al clima e allo stesso  tempo cerca di proporre dei soggiorni in luoghi che hanno  un clima differente rispetto a quello di partenza, in odo che questo cambiamento abbia dei giovamenti sul fisico delle persona.
La climatoterapia come primo passo prende in considerazione ed analizza la patologia che affligge il soggetto, successivamente considerando il grado di intensità del dolore e associandolo ad altri parametri come stile di vita, età condizioni fisiche etc. cerca di suggerire una metà dove il soggetto può trascorrere del tempo divertendosi e con particolare attenzione alla salute. 
Scopriamo diverse mete della climatoterapia.

MARE
Il mare è da sempre forse la metà più agognata dagli italiani, spiagge di sabbia bianca e mare cristallino per passare una settimana in totale relax, sì ma non per tutti.
La vacanza al mare è indicata per chi soffre di allergopatie stagionali, per chi è affetto da infiammazioni croniche dovute al catarro nelle vie aeree e dell’orecchio. Chi è affetto da psoriasi può trovare sollievo nel clima marino. Il mare non è indicato invece per chi soffre di gravi malattie alle ossa o è affetto da disturbi delle articolazioni.

MONTAGNA
La montagna è particolarmente indicata per tutti le persone che soffrono di broncopneumopatie cronica, per chi soffre di attacchi d’asma e per chi è molto stressato. Chi deve pestare particolarmente attenzione al clima montano sono le persone che soffrono di ipertensione o scompensi cardio-circolatori, coloro affetti da queste patologie non dovrebbero superale i 1500-2000 metri di altitudine.

COLLINA
L’aria pulita che si respira in collina fa bene a chi soffre di patologie respiratorie, cardiopatie questo perché i polmoni si riempiono di aria pulita ed il battito cardiaco rallenta seguendo il ritmo della natura. Le mete collinari sono da evitare da chi è affetto da broncopneumopatie croniche ed asmatiche o allergie con pollinosi.

LAGO

Il lento movimento delle acque del lago ha u effetto rilassante che è indicato per chi soffre di ipertensione o chi è affetto da cardiovasculopatie. Non è indicato per chi affetto da stati depressivi acuti con fobie.
Posta un commento